PRISMA – Anno VI – Numero 237 – 3 dicembre 2016

PUBBLICATO “OSTIA ANTICA: MONUMENTO, DAL 1884. UN RISTORANTE NELLA STORIA DEL BORGO” DI CATERINA DINI E LUCIA BATTAGLIA (APL EDIZIONI). ECCO LA PREFAZIONE

copertina-monumento

Ostia, l’unico quartiere di Roma affacciato sul mare, è anche fra quelli che possono vivere bene solo se respirano con entrambi i polmoni: l’antico e il moderno. Unica e duplice, la nostra Ostia: i magnifici Scavi archeologici e la sabbia ferrosa baciata dal sole, il severo ed elegante Castello di Giulio II e le file regolari degli ombrelloni protesi verso il mare, la tranquilla atmosfera del Borgo medioevale e l’affollato Pontile di piazza dei Ravennati, l’eroismo del giovane Cristianesimo incarnato nel martirio di Sant’Aurea e l’appassionata invocazione alla fratellanza tra i popoli del nostro tempo che si eleva con ardore dalla cupola di Regina Pacis.
Per questo abbiamo bisogno di luoghi dove l’inventiva del presente sa dialogare con la saggezza del passato. Luoghi come il Ristorante Monumento: porte per accogliere generosamente volti comuni e notissimi, finestre per sentire serenamente il vento calmo della Storia. E un caminetto che racconta più di un secolo di ricette originali, di pietanze fatte in casa, di via vai dei camerieri, di amabili chiacchiere davanti al fuoco, di romantiche cenette, di grandi eventi. La convivialità diventa meditazione e arte della memoria, trasformando il cibo in una esperienza emotiva. Nel doppio segno della tradizione romana e romagnola, cugine sin dal nome.
Questo libro si fa mangiare con gusto, a poco a poco, per quanto di bello propone, ricco di immagini e parole, disegni e testimonianze. Ed è una scommessa contro la smemoratezza. Non a caso, vicino al Ristorante, c’è la storica epigrafe su “Pane e lavoro”, capace di rievocare l’epopea dei bonificatori romagnoli che fra Otto e Novecento hanno dato un nuovo futuro a questa porzione di Agro Romano inghiottita per secoli dalla malaria e dall’abbandono. E’ il nostro Western, un’epopea fascinosa, intrisa di eroismi, sogni e sacrifici: Hollywood ne avrebbe tratto ispirazione per almeno dieci film con John Wayne e James Stewart.
Ma qui siamo in Italia, e non ci accorgiamo di quanti tesori siano custoditi nel nostro passato. Questo libro, dunque, è un atto di coraggio, va controcorrente, scompiglia le carte di quella dannata smemoratezza che ci schiaccia sull’attimo fuggente e non ci fa accorgere della vita vivente, quella che ci fa dimenticare la nostra condizione privilegiata di eredi di un passato meraviglioso e gagliardo: un passato da custodire e valorizzare nel presente, da rivivere e proiettare nel futuro.

presentazione-libro-monumento

IL LINGUAGGIO TEATRALE COME EDIFICANTE MANUALE PER LA RISCOPERTA DELLA DIMENSIONE DEL SACRO
di Maria Angela Casano

“Credo che leggere la Bibbia sia una necessità soprattutto per gli uomini del nostro tempo. La caduta dei valori, caratteristica odierna della cultura occidentale, acuita da una grave crisi economica, ha creato disorientamento ed incertezza sia nella vita quotidiana sia nelle relazioni umane, generando talvolta profonde paure”.
Esordisce così Sergio Ronci, raffinato autore e regista teatrale nella prefazione di “PALCOSCENICO BIBBIA”, l’ultima fatica letteraria del giornalista e scrittore Gianni Maritati con il quale lo stesso Ronci ha collaborato per la stesura dell’opera. Parole forti quelle usate da Ronci che ci conducono inevitabilmente a una profonda riflessione interiore.
Layout 1I disvalori del mondo moderno hanno allontanato l’uomo dalla dimensione del sacro inducendolo in uno stato reale di infelicità. Gianni Maritati si fa portavoce di un importante messaggio di fede facendo “rivivere” personaggi della Bibbia in una trilogia di atti unici ispirata all’Antico Testamento. Un palcoscenico variopinto su cui emergono le storie del profeta Giona, di Rut e Noemi e di Tobia.
L’autore dedica particolare attenzione all’arte del “mettere in scena” facendovi convergere in maniera quasi naturale le vicende bibliche trattate. Le trovate sceniche traggono le fila della storia in maniera magistrale. Maritati dà particolare rilievo al tema spinoso della disobbedienza verso Dio e al suo ritrovamento che riporta l’uomo in una luce positiva. Il linguaggio utilizzato è semplice e suggestivo. Lo scrittore gioca con eleganza il rapporto tra personaggio e lettore. Quest’ultimo infatti, avvertirà – attraverso la descrizione di una gestualità affannata – il senso di vuoto e di disperazione che l’uomo prova quando si allontana dal divino e la gioia incommensurabile nel momento in cui i personaggi si riconciliano con Dio. “La trilogia viene pubblicata per offrirsi, soprattutto ai giovani, come ‘luogo’ di avventura e di riflessione, come strumento di un’esperienza che si è fatta tanti secoli fa e che diventa voce, carne e suono nel nostro e non meno tormentato e smarrito presente”, commenta l’autore nell’introduzione. Uno dei problemi massimi del nostro tempo è il disorientamento che l’uomo vive sempre più rivolto verso una visione materialistica e nichilistica. Riscoprire storie facenti parte del Libro per eccellenza favorisce la ricerca di un dialogo con l’Assoluto. “PALCOSCENICO BIBBIA” accende una scintilla, non è un semplice testo teatrale, bensì un’opera che raggiunge questioni “alte” dell’esistenza umana. Un ulteriore dimostrazione che i testi dell’Antico Testamento sono sempre attuali e indispensabili al benessere individuale e sociale all’uomo di ogni epoca. Essi attingono la loro autorità e l’insostituibile prestigio al fatto che sono semplicemente “ispirati”.

TGR PETRARCA, APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON LA CULTURA
petrarca-rubrica-tgrLe parole della cultura: degli scrittori e dei lettori, del teatro e dell’opera lirica, della musica e dell’arte… Le racconta, ogni settimana, “Petrarca”, il nuovo magazine della Tgr – condotto da Chiara Pottini ed Elisabetta Terigi e curato da Carlo De Blasio e Simonetta Rho – in onda ogni sabato alle 12.55 su Rai3. Realizzato dalla redazione piemontese con il contributo di tutte le redazioni regionali della Tgr, “Petrarca” si propone di raccontare il nostro Paese attraverso storie di libri e librerie, scrittori, biblioteche, personaggi e mestieri collegati al libro o alla scrittura, proponendo incontri “inattesi” tra libri e lettori. Senza dimenticare i linguaggi del cinema, del teatro e della musica. “Con Petrarca – dice il direttore della Tgr, Vincenzo Morgante – vogliamo raccontare in modo nuovo volti, voci, parole e immagini della cultura italiana, ‘mescolando’ i generi che contribuiscono alla sua grande ricchezza. Un viaggio che la Tgr intraprende, nello spirito del Servizio Pubblico, con la propria voglia di ‘scoprire’ e con tutte le redazioni presenti sul territorio”.

I NOSTRI LIBRI (IDEE PER LA BIBLIOTECA)

il-mare-dentro

e-facile-vivere-bene-a-roma-se-sai-cosa-fare_8417_

transiti-nella-poesia

libro-andrea-cangialosi

CONCORSO TEATRALE “TUTTA SCENA!”
L’Associazione Culturale Clemente Riva di Ostia, in collaborazione con il Teatro “Nino Manfredi”, bandisce il 1° Concorso Teatrale Nazionale “Tutta scena!”, volto a favorire la realizzazione e la diffusione di Atti Unici inediti, idonei ad esaltare la conoscenza teatrale ed i valori che contraddistinguono l’attività dell’Associazione: cultura, lettura e solidarietà (durata circa 30 minuti).
La partecipazione è aperta a tutti gli amanti del teatro, professionisti e non professionisti, inclusi gli tutta-scena-logostudenti di scuola media superiore individualmente o in gruppo. Ogni autore può partecipare con un solo lavoro. I lavori devono essere inviati insieme alla scheda di partecipazione compilata in ogni suo campo e ad una fotocopia del documento d’identità dell’autore. La documentazione richiesta dovrà essere spedita via mail, in formato PDF, a: assclementeriva@gmail.com.
La partecipazione è gratuita. I lavori pervenuti saranno esaminati da una Commissione di esperti. Ogni autore dichiara di possedere tutti i diritti sul lavoro inviato e conserva la proprietà dell’opera inviata ma ne cede i diritti d’uso illimitato all’Associazione Culturale Clemente Riva.
L’opera e la relativa documentazione dovranno pervenire entro e non oltre le ore 20 del 15 aprile 2017. La Commissione eleggerà le tre migliori opere, attribuendo i seguenti riconoscimenti :
– Primo classificato: Trofeo + Attestato + rappresentazione dell’opera da parte di una compagnia teatrale amatoriale operante sul territorio del X Municipio di Roma
– Secondo classificato: Trofeo + Attestato + 4 biglietti omaggio per il Teatro “Nino Manfredi”
– Terzo classificato: Trofeo + Attestato + Opera omnia di un autore classico del teatro
La premiazione delle tre opere vincitrici avrà luogo durante l’edizione primaverile del 2017 della Festa del libro e della lettura di Ostia, presso il Teatro della Parrocchia di S. Monica (Piazza S. Monica 1 ad Ostia Lido-Roma), mentre la rappresentazione dell’opera vincitrice durante l’edizione autunnale del 2017 della Festa stessa.
Il bando è pubblicato su: http://associazioneclementeriva.wordpress.com.

(Il logo è di Elisa Palchetti)

PRISMA
Di Gianni Maritati. Con la collaborazione di Ruggero Pianigiani
http://associazioneclementeriva.wordpress.com;
prismanews.wordpress.com; festadellibrodiostia.wordpress.com;
assclementeriva@gmal.com; http://www.youtube.com/user/assclementeriva;
@Ass_CRiva; tel. 380.1805830

PER RICEVERE LA NEWSLETTER, MANDARE UNA MAIL A: G.MARITATI@TISCALI.IT