PRISMA – Anno X – Numero 344 – 2 novembre 2019

L’Associazione culturale Clemente Riva è lieta di invitarvi
alla XXVII Festa del libro e della lettura
di Ostia sul tema

“LIBRI IN DIRETTA SOCIAL”
INGRESSO LIBERO E GRATUITO NEL SALONE MULTIMEDIALE DI S.MONICA, P.ZA S.MONICA, 1, OSTIA LIDO (ROMA)

SABATO 23 NOVEMBRE 2019 (ore 10-13 / 15-20)
10: LIBRI SOLIDALI. Migliaia di libri usati, in ottime condizioni e di tutti i generi, disponibili ad offerta libera oggi e domani: raccolta fondi a favore delle adozioni a distanza promosse dalla Onlus Seconda Linea Missionaria. Libri disponibili anche in cambio di cibi non deteriorabili per la Caritas di Ostia
11-13: IL PARCO ARCHEOLOGICO DI OSTIA ANTICA VERSO L’UNESCO. Incontro con il Gruppo di lavoro della Consulta per la Crescita Culturale del X Municipio di Roma. Presentazione dei libri Ostium e Portus. Dalle origini antiche all’età moderna di Stefano Lesti e Ostia. Dalla bonifica alla ricostruzione di Marco Severa, e Conferenza su Ostia Moderna raccontata da Giulio Mancini.

13-15: Pausa

16-20: Saluto di Don Pietro, parroco di S.Monica. PRIMO SALOTTO LETTERARIO CON Laura Cialè (Il Cherubino), Francesco Pasqual (Giusto il tempo di), Lucianna Argentino (Il volo dell’allodola), Rossella Cirigliano (Locus Iste), Liboria Garofalo (Un racconto oltre il silenzio), Vinicio Salvatore Di Crescenzo (Vernice Damar), Emanuele Grilli (Nike, psiche, sport), Alfio Giuffrida (Odore di sujo), Francesca Gallus (Al di qua del mare), Alessandro D’Elia (Casi penali), Francesco Sagone (Il guerriero. Ab Urbe Condita), Danilo Ruggiero (Non sarà l’economia a salvarci), Gabriella Lepre (Herta Muller, un incontro italiano), Barbara May (Dietro a quel sorriso), Rita Pacilio (La venatura della viola), Simone Montaldi (Curry, Buddha e maratone), Luigi Genghi (Piccoli racconti inglesi), Cinzia Marulli Ramadori (Percorsi), Paolo Indelicato (Anunnaki. La creazione dell’uomo). PAUSA 17.45-18

DOMENICA 24 NOVEMBRE 2019 (9-13 / 15.30-20)

11-13: SECONDO SALOTTO LETTERARIO CON Antonietta Gnerre (La preghiera delle foglie), Mimmo Muolo (I soldi della Chiesa), Paola Buccheri (I diari della luce), Marco Ciambra (Parlami), Renzo Ricci (Giano, specchio riflesso), Franca Bernardi (Anche al buio c’è il sole), Agostino D’Antoni (Non vedo più in bianco e nero), Angelo Picariello (Un’azalea in via Fani)

13-15.30: Pausa

16-19.15: TERZO SALOTTO LETTERARIO CON Pierluigi Plata (Apparecchiare la santità), Nadia Tomasetta (Ho avuto 10 più), Matteo Pratticò (Shadolove), Tiziana Marini (La farfalla di Rembrandt), Francesco Tedone (Langsax. La spada del re), Valerio Pagano (Next Eden), Liliana Manetti (Colore di donna), Roberto Maggi (Schegge liquide), Fabrizio Iacobazzi (La buona speranza), Daniela Cococcia e gli Amici… Di Versi (Diari della natura). PAUSA 17.30-17.45

19.30: BUFFET PREPARATO DALLA CLEMENTE RIVA CON BRINDISI OFFERTO DAL SOMMELIER FRANCO CETTOMAI (AIS ROMA). FOTO-RICORDO

IN ESPOSIZIONE OPERE DEGLI ARTISTI AIDA LORETI, FRANCESCA GRAVANTE, AGOSTINO D’ANTONI, SALVATORE DATTOLO, TIZIANA DI BARTOLOMEO, CRISTIANO LOLLOBRIGIDA, RUGGERO PIANIGIANI E PINO RAMPOLLA

Per info e contatti: assclementeriva@gmail.com; g.maritati@tiscali.it; 380.1805830

LA NUOVA COSCIENZA AMBIENTALE ENTRA NEL DEVOTO-OLI

Dopo il recente completo rinnovamento, che ha prodotto una nuova idea di vocabolario, attento alla contemporaneità e alla continua evoluzione del linguaggio, l’edizione 2020 del Nuovo Devoto-Oli – concepito da Giacomo Devoto e Gian Carlo Oli nel 1967 a cui si sono aggiunti come autori Luca Serianni e Maurizio Trifone – diventa verde, non solo a parole o nel colore della copertina. Un impegno concreto per un mondo più sostenibile, che si sviluppa in tre direzioni: 1) l’utilizzo di carta certificata, che garantisce la sostenibilità della gestione dei boschi, dalla provenienza del legno alla tracciabilità dei prodotti ricavati; 2) un accordo con Treedom che darà vita in Sicilia alla foresta Gli alberi delle parole, con la piantumazione di 200 alberi di melograno, ognuno dei quali sarà registrato, fotografato e monitorabile grazie alla geolocalizzazione – un progetto che, oltre ad aiutare l’ambiente e favorire la biodiversità, aiuterà anche i ragazzi dell’Associazione ‘Ulisse’ affetti da patologie dello spettro autistico che, affiancati dai loro tutor, supporteranno i contadini locali nella cura della foresta; 3) un concorso per le scuole volto a sensibilizzare le giovani generazioni al rispetto dell’ambiente, un’iniziativa di educazione linguistica e ambientale che coinvolge studenti e docenti (della scuola primaria e secondaria di I e II grado) nella realizzazione di elaborati e video dedicati ai temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico. In palio alberi da piantare nei giardini delle classi vincitrici.
Non mancano naturalmente i lemmi più aggiornati relativi alle tematiche ambientali (da plastisfera a plogging, da carbon free a guerrilla gardening), al lessico ecologico più in voga (da climate change a ecoscettico, da ecotassa a ecobusiness) o le parole “verdi”, che hanno cioè acquistato un significato completamente nuovo proprio grazie alle problematiche legate al clima (da sostenibile a economia circolare). Circa 400 i neologismi e i nuovi significati, tratti come di consueto dal linguaggio dell’attualità (revenge porn o porno vendetta, terrapiattismo e terrapiattista), della politica (antibufale, antipatizzante, antivaccinista, fascistometro), dell’economia e della finanza (manovra correttiva, sviluppismo, pay gap o divario salariale), della cultura e dei mass media (foodmania, catfishing), dei giornali e della televisione (detox, cyberattivista, disinformatore), di gerghi e modi di dire (blastare, figaggine, pancia a terra) e delle nuove mode e tendenze (trap e trapper, binge watching). Immutata la ricchezza della proposta, con una costante riscrittura delle voci in maniera semplice, moderna e universalmente comprensibile, per guidare il lettore all’uso corretto di una lingua complessa e in perenne trasformazione. Un aggiornamento attento anche alle parole di uso comune che proprio per questo risentono di più dei cambiamenti sociali e culturali: sostantivi come coppia, costituzione, cooperazione o aggettivi quali autorevole, bisognoso e illusorio le cui definizioni sono state integralmente riformulate. Aggiornate anche le unità di misura, in base ai nuovi criteri internazionali in vigore dal 20 maggio di quest’anno, con la modifica di tutte le relative definizioni (da metro a chilogrammo, da secondo ad ampere, da carica a frequenz, etc.).
Con 75.000 voci, 250.000 definizioni, 45.000 locuzioni e le 3 nuove rubriche di pronto soccorso linguistico, il Nuovo Devoto-Oli 2020 nella sua versione cartacea, più snella, è perfettamente integrato alla versione digitale, disponibile come sito web e applicazione per tablet e smartphone IOS e Android, con 35.000 lemmi e 50.000 definizioni in più, per consentire una fruizione completa di tutti i contenuti, con funzionalità e strumenti pensati per avere il vocabolario sempre a portata di mano, compreso l’audio di tutte le voci per una pronuncia corretta e la possibilità di condivisione del lemma, tramite e-mail o post sui principali social network, per risolvere dubbi durante lo studio o il lavoro.

PAROLE VERDI

1) NEOLOGISMI
economia circolare, modello di produzione e consumo che mira a limitare al massimo gli sprechi e l’immissione di rifiuti nell’ambiente, mediante interventi che estendano la durata dei prodotti e ne favoriscano poi il recupero in nuovi cicli produttivi
plogging, attività fisica che, nell’ottica della salvaguardia dell’ambiente, consiste nel correre a ritmo lento fermandosi a raccogliere i rifiuti che si incontrano lungo il percorso; combina la corsa con altri movimenti del corpo, come la flessione, il piegamento sulle ginocchia e lo stretching
plastisfera, l’insieme di ecosistemi costituiti dagli accumuli di rifiuti plastici che galleggiano sugli oceani e che forniscono un habitat a varie colonie di microorganismi
impronta ecologica, indice statistico per la valutazione dell’impatto ambientale; misura la porzione di territorio biologicamente produttivo utilizzata da un individuo o da una comunità per produrre le risorse che consuma e assorbire i rifiuti che genera
carbon free, prodotto gestito in modo da ridurre al minimo o da riassorbire interamente le emissioni di anidride carbonica
guerrilla gardening, serie di azioni condotte da gruppi organizzati per riqualificare terreni incolti o aree urbane degradate impiantandovi orti o giardini
negazionismo climatico, negazione delle conoscenze scientifiche sui cambiamenti climatici e il loro effetto sugli ecosistemi e la salute umana

2) LESSICO ECOLOGICO (ma ormai in uso da un po’)
accertatore ecologico, operatore incaricato di sorvegliare sulla correttezza delle operazioni di raccolta e smaltimento dei rifiuti
ecotassa, nel linguaggio giornalistico, imposizione fiscale volta a penalizzare attività e consumi dannosi all’ambiente
ecobusiness, l’insieme delle attività economiche e commerciali legate al rispetto dell’ambiente, come la raccolta differenziata dei rifiuti e la produzione di autoveicoli basati su fonti di energia alternativa
ecomafia, nel linguaggio giornalistico, le operazioni o le speculazioni della mafia e della criminalità organizzata che hanno un impatto devastante sul territorio e sull’ambiente (lo smaltimento dei rifiuti, l’edilizia abusiva, ecc.)
sostenibile, che rispetta l’ambiente: agricoltura sostenibile, basata su tecniche di coltivazione che consentono uno sfruttamento delle risorse naturali senza alterare l’equilibrio ambientale; mobilità sostenibile, uso dei mezzi pubblici di trasporto per salvaguardare le condizioni ambientali dei centri urbani; sviluppo (economico) sostenibile, rispettoso degli equilibri sociali ed ecologici preesistenti; turismo sostenibile, rispettoso della società e dell’ambiente del paese che si visita.

NUOVO DEVOTO-OLI
di Giacomo Devoto, Gian Carlo Oli, Luca Serianni e Maurizio Trifone,
pp. 2.560. Applicazione scaricabile su smartphone e tablet IOS e Android per due device. Licenza annuale per la consultazione su sito web, € 69, 2020

IL VOLUME
· 75.000 voci | 250.000 definizioni
· 45.000 locuzioni
· 400 neologismi e nuovi significati
· 200 note Per dirlo in italiano
· 147 note Questioni di stile
· 288 note Parole minate
· 10.000 parole di base
· 58.000 tra verbi, aggettivi e sostantivi
· 66.000 etimologie

LA VERSIONE DIGITALE
· 110.000 voci | 300.000 definizioni
· 45.000 locuzioni
· 400 neologismi e nuovi significati
· 210 note Per dirlo in italiano
· 150 note Questioni di stile
· 291 note Parole minate
· 10.000 parole di base
· 88.000 tra verbi, aggettivi e sostantivi
· 98.000 etimologie
· 33.000 voci con sinonimi e contrari per un totale di 260.000
· coniugazione completa di tutti i verbi, femminili e plurali di tutti i sostantivi, aggettivi e pronomi
· audio di tutte le voci
· condivisione del lemma, tramite e-mail o post sui principali social network

LE RECENSIONI DI ANNA RIZZELLO

1) “LA SOTTILE LINEA DEL TEMPO” di Giovanna Nobile
“La sottile linea del tempo” di Giovanna Nobile è un libro scritto molto bene e di un certo spessore! Stile fluido e forma curata sono apprezzabili veramente! Fantasia e realtà ci portano a leggere volentieri questo libro e il contenuto ci coinvolge dalla prima all’ultima pagina con descrizioni di una leggerezza unica! A tutti, prima o poi, capita il déjà vu! Sembra di aver già visto ciò che in realtà vediamo per la prima volta. E…non siamo in grado di darci una spiegazione del senso di familiarità di certe esperienze di vita. Giovanna Nobile con questo bel romanzo ci fa porre la domanda: – Esiste la reincarnazione? – e quello che accade al protagonista ci fa pensare! Brava Giovanna Nobile! Un bell’intreccio in questo romanzo, un bel modo di farci riflettere se sia vero che abbiamo vissuto vite precedenti e se i vivi nascono dai morti. Il protagonista ha vissuto in un’altra dimensione storica passata oppure tale esperienza è un inganno percettivo? Ha veramente vissuto in pieno ‘500 e alla fine del ‘700? E…ogni suo sogno è un ripercorrere parte della sua precedente esistenza? La nostra autrice ci lascia sempre più curiosi con il suo modo di raccontare piacevolissimo, dove conoscenze storiche, geografiche, archeologiche, sociali e psicologiche emergono correttamente con uno stato emozionale, spesso quasi poetico.

2) “POESIE RITROVATE” di Luigi Genghi
Luigi Genghi, milanese di nascita e romano di adozione, ha saputo coniugare rigore con sensibilità e calore per giungere ad uno stile espressivo personale. L’Ardore delle sue osservazioni e dei sentimenti della sua Anima, l’Amore, la Meraviglia e l’Ammirazione, la Riconoscenza, lo Stupore e il Cuore sono gli elementi che fanno di lui un vero poeta! L’ ammirazione per la donna e l’amore per la natura hanno ispirato il poeta in questa raccolta di “Poesie ritrovate”. La forza delle espressioni poetiche di Luigi Genghi risiede nella “crudezza” dei versi con cui penetra profondamente nelle situazioni che affronta, nelle persone di cui parla, negli elementi naturali che osserva e che lo stupiscono. Il mare, il cielo, la luna, il sole, l’alba, il tramonto, le stelle lo fanno volare alto. Nelle sue poesie l’Amore canta l’Amore e s’infuocano i Sogni e le Fantasie di Luigi Genghi, mentre assapora il pieno godimento, carico di lacrime per la gioia mista al dolore. È un bel libro! Bella anche l’idea di scrivere le poesie senza titolo e numerate l’una dietro l’altra. È un libro che piacerà molto, di sicuro a coloro che apprezzano la lettura distensiva e rilassante e vogliono farsi rapire dalla melodia e dal profumo delle poesie. E questo non è poco!

3) “UN RACCONTO OLTRE IL SILENZIO. Dal fronte greco ai campi di internamento del Terzo Reich” di Gaetano Garofalo
“Un racconto oltre il Silenzio” è una raccolta di testimonianze, di esperienze, di avventure di guerra e prigionia vissute e raccontate da Gaetano Garofalo ai suoi due figli. Sonia Gliera, ritenendo necessario non dimenticare, cura il libro dopo aver letto i diari e ascoltato il CD di chi ormai non c’è più. Gaetano Garofalo racconta in modo intenso e incalzante, anche se non cronologico, la sua vita di partecipazione militare: dall’addestramento in Italia al fronte greco e ai campi di prigionia in Polonia e Germania (aprile 1943-novembre 1945) fino ai campi di internamento e lavoro, nonché quelli di concentramento e sterminio durante la Seconda Guerra Mondiale. Caratterizzano il libro brevi episodi goliardici del periodo d’avviamento militare, i rapporti umani e benevoli con i Greci del Peloponneso, ma soprattutto gli strazianti ricordi dell’atroce sofferenza della fame, interrotta da qualche carota rubata nella musetta del cavallo e da qualche patata cruda. Per non parlare del cibo (pieno di mosche o dell’unica acqua da bere contenente migliaia di zanzare), del freddo, della dura prigionia, del durissimo lavoro nei campi di internamento anche dopo la notizia della caduta del governo Mussolini. Il fischio delle pallottole che sfioravano la testa, e… cadevano le foglie dell’albero colpito accanto, i rombi improvvisi degli aerei inglesi che sganciavano bombe a poca distanza, qualche volta, provvidenziali per distrarre e interrompere l’esecuzione a morte. Vedere la morte in faccia e ritrovarsi vivo, le lunghe ed estenuanti camminate a piedi nella neve per raggiungere luoghi di lavoro o di dura prigionia! Tutto fa riflettere e ci sconvolge l’animo! La follia di un solo uomo, seguito da pochi, ha portato l’immane orrore che non va dimenticato allo scopo di evitarne il ritorno!

PER PRESENTAZIONI, PREFAZIONI E OGNI TIPO DI PRESTAZIONE E CONSULENZA LETTERARIA, ARTISTICA E GIORNALISTICA,
SI CHIEDE UN PICCOLO “CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA’” ALL’ASSOCIAZIONE CULTURALE CLEMENTE RIVA:

Codice Iban: IT 10 N 08327 03231 000000006461

http://www.youtube.com/user/assclementeriva (a cura di Alessandro Flego)
Media manager: Michele Porcaro

PRISMA. Di Gianni Maritati. Con Ruggero Pianigiani
PER RICEVERE LA NEWSLETTER, MANDARE UNA MAIL A: G.MARITATI@TISCALI.IT

Blog personale su Facebook: https://www.facebook.com/OstiAnimazione-113783449994695/