CIAO ERNESTO: TI PORTEREMO SEMPRE NEL CUORE

di Gianni Maritati

Se n’è andato un gigante: Ernesto Brancucci, in arte Ermavilo, che è anche il nome della sua prestigiosa Scuola di doppiaggio cantato fondata a Roma nel 2018. Padre di due grandi professioniste come Lorena e Virginia, Ernesto Brancucci è stato uno storico doppiatore, paroliere, cantante e adattatore per la Disney. Ha legato il suo nome a tantissimi personaggi come Pumbaa e dal 1986, dopo la scomparsa di Roberto De Leonardis detto “il Comandante”, ha curato la direzione musicale e l’adattamento italiano delle canzoni di tanti capolavori del cinema d’animazione, Disney e non. Ha prestato la sua voce straordinaria anche ad un personaggio di “Star Wars”.

ERNESTO BRANCUCCI

Spesso non sappiamo o dimentichiamo che dietro i nostri sogni e la nostra immaginazione ci sono artisti d’immenso talento come Ernesto Brancucci che rendono felice la nostra avventura umana, che si spendono per farci stupire, per emozionarci, per insegnarci a guardare oltre. Senza di lui, ora la nostra passione fa più fatica a sopravvivere e ad andare avanti. Ma ci sono quei film, quelle serie e quella Scuola dove lui ha profuso tutta la sua bravura, tutta la sua arte e la sua conoscenza.

Per questo Ernesto resterà sempre nei nostri cuori.

ROCCO PEZZIMENTI, “SOVRASTRUTTURA E STRUTTURA” E

IL CAMMINO DELLA LIBERTA’” (RUBBETTINO EDITORE)

Per lungo tempo, il pensiero socio-economico si è sviluppato attorno ad una prospettiva materialista che di fatto accomuna specularmente tanto Adam Smith che Karl Marx. Ma la realtà delle garanzie e dei diritti non è affatto una “sovrastruttura” rispetto ai rapporti di produzione e di sovrastruttura e struttura (cop)scambio. Non il mero egoismo, ma la comune aspirazione al benessere e al miglioramento delle condizioni di vita, per sé e per gli altri, è la vera molla dell’iniziativa umana regolata dalle istituzioni. Politica, economia, diritto, cultura e religione sono tutte dimensioni della vita associata che, ciascuna nel proprio ordine, le conferiscono quella dinamicità senza la quale, semplicemente, non c’è progresso. Prefazione di Paolo Savona. (C.S.)

Per troppo tempo, anche nella modernità, l’Occidente ha percorso i sentieri tracciati dal pensiero utopico e di matrice costruttivista, che costituiscono una negazione delle società aperte. Dopo il drammatico risveglio avvenuto alla fine dello scorso millennio, è giunto il momento di riconsiderare analisi meno pretenziose, che non hanno immaginato società perfette,IL CAMMINO DELLA LIBERTA' (COP) ma semplicemente sistemi possibili e migliorabili. Questo studio ripercorre un itinerario a lungo dimenticato, quello dei diritti, la cui prima formulazione risale a quel mondo latino che, non a caso, sarà alla base delle speculazioni di Montesquieu, Vico, Hume e di quanti gettarono le basi di quei sistemi politici nei quali, pur tra tanti difetti e problemi, abbiamo la fortuna di vivere. Il testo ripercorre il tormentato cammino delle società aperte che, nonostante difficoltà e resistenze, sono riuscite ad affermarsi in alcuni paesi, mostrando a coloro che le osservano con attenzione quanto sia delicata la libertà e come sia necessario e arduo difenderla. Il presente studio affronta poi nel merito il dibattito sulla modernità, considerando su quali presupposti essa si fondi e come sia frutto di un faticoso e non sempre lineare cammino. (C.S.)

INFIRMITAS ET CARITAS”, MEDITAZIONE A ROMA

In occasione della Giornata Mondiale del Libro, giunta alla venticinquesima edizione e patrocinata dall’UNESCO, il Rettore della Basilica di San Carlo al Corso Padre Pierluigi Giroli, in collaborazione col Collegio Missionario Antonio Rosmini, diretto dal Padre Generale Vito Nardin, organizza un evento di riflessione sul difficile momento che stiamo attraversando, sabato 24SAN CARLO AL CORSO aprile 2021 alle ore 16, presso la Basilica di San Carlo al Corso, nel cuore di Roma. Il laboratorio teatrale inclusivo, attivato durante l’inverno per rivitalizzare il centro storico di Roma e condotto dall’attore Emmanuel Casaburi, ha riportato i giovani e i fedeli alle relazioni e al dialogo per contrastare l’isolamento prodotto dal lockdown. Proprio i giovani e i fedeli, che hannoANTONIO ROSMINI frequentato un percorso di fede e poesia aperto a tutti, reciteranno testi letterari di grande valenza spirituale, da Dante a Clemente Rebora.

L’evento intende essere un’esperienza pilota di formazione dei giovani, da allargare in futuro agli studenti universitari e ai docenti di ogni ordine e grado, che dovrebbe essere gestita attraverso un più ampio progetto in corso di elaborazione: la costituzione dell’Istituto di Studi e Alta Formazione intitolato a San Giovanni Paolo II e ispirato al pensiero di Antonio Rosmini, affidato alla direzione del Prof. Rocco Pezzimenti, uno dei più autorevoli intellettuali cattolici.

TUTTA MAFALDA”, EDIZIONE ARRICCHITA (MAGAZZINI SALANI)

Mafalda è una bambina che dice la sua, ma non si ferma certo ai suoi problemi e nemmeno a quelli della sua famiglia: piatti da lavare, piantine da annaffiare e bollette da pagare. Sente anche i TUTTA MAFALDA (COP)grandi problemi del mondo lei, e non riesce a chiudere gli occhi di fronte alla fame, alla povertà, alla guerra. Non riesce a chiudere gli occhi, ma soprattutto non riesce a chiudere la bocca. Quello illustrato da Quino è un mondo semplice e complicato allo stesso tempo. Perché è assai quotidiano l’universo in cui Mafalda vive, pensa, protesta e si ribella. Eppure, sullo sfondo di questo piccolo mondo ci sono i Beatles, la guerra del Vietnam, la rivoluzione culturale, il conflitto in Medio Oriente, ecco perché Mafalda fa parte dei capolavori che tutti dovrebbero avere nella propria biblioteca. Una nuova edizione aggiornata, ricca di testimonianze e contenuti esclusivi, oltre alla collezione completa delle strisce. Per sapere tutto di Mafalda, del suo universo e del suo geniale creatore. (C.S.)

ITALIA NEL CUORE” (ECRA LIBRI)

Un nuovo viaggio alla scoperta dell’Italia, partendo dai ghiacciai del Monte Rosa fino a Capo Passero, l’estremità più a sud della Sicilia immersa nel blu del mar Jonio. Protagonista assoluto ilItalia-nel-cuore (COP) “Paesaggio italiano” immortalato in tutte le sue declinazioni da Luca e Pepi Merisio. Scatti di bellezze straordinarie affiancati da scatti significativi legati all’emergenza Covid-19 come le grandi metropoli deserte o la solitudine del presidente Sergio Mattarella alle celebrazioni per il 25 aprile e di Papa Francesco alla veglia pasquale. Tante immagini che resteranno nella nostra memoria e che, affiancate a quelle della straordinaria e multiforme bellezza dell’Italia, possono essere il propellente per un cambiamento verso uno sviluppo sostenibile dal punto di vista economico, sociale e ambientale”. Dal saggio introduttivo di Enrico Giovannini. Fotografie di Luca e Pepi Merisio. (C.S.)

PER BAMBINI: “TUMPA TUM”, UN ALBO ILLUSTRATO DA LEGGERE, CANTARE E GIOCARE

In libreria da alcuni mesi, “TumPa tum” è l’albo illustrato da leggere, cantare e giocare rivolto al TUMPA TUM (COP)mondo dell’infanzia. Un libro da sfogliare e con cui interagire anche grazie ai contenuti digitali attivabili attraverso un QR code dedicato. Scritto dall’educatore musicale beneventano Luigi Giova e disegnato dall’illustratrice romana Cristiana Cerretti, attraverso un gioco linguistico-motorio percorre la genesi dei due protagonisti: Tum e Pa. Personaggi-suono che si offrono per accompagnare adulti e bambini in un viaggio attraverso un mondo armonico fatto di ritmo, vocalità e danza. Un libro da condividere e da sperimentare attraverso il quale fare esperienza di sé e al contempo esercizio di relazione e di empatia come ponte tra realtà e fantasia, tra adulti e bambini. L’autore, musicoterapista ed educatore musicale per la prima infanzia, presenta un percorso eclettico per un uso ludico e da reinvestire all’occorrenza in contesti ricreativi e didattici rivolti all’infanzia. La matita di Cristiana Cerretti saltella e colora seguendo la musica generando due personaggi freschi e intensi, essi stessi ritmo e suono. (C.S.)

LE RECENSIONI DI ANNA RIZZELLO:

IL TEMPO E LA MUSA” DI DAVIDE BARLETTA

Davide Barletta presenta la sua prima e unica silloge con una introduzione dedicata al lettore. Ironicamente protegge le proprie qualità letterarie mettendo al riparo la sua opera da un eventuale ripudio. Nel leggere “Il Tempo e la Musa” ho avuto l’impressione di trovarmi di fronte ad un grande della poesia italiana. All’interno di parole, concetti, sentimenti che viaggiano tra ritmo eIL TEMPO E LA MUSA (COP) figure retoriche c’è uno stile apprezzabile, profuso di emozioni profonde. Sono poesie che liberano l’autore dall’angoscia del tempo, della morte e della solitudine. L’amore è tema essenziale accanto alla ricerca della felicità, con quei versi che tagliano l’anima e giungono nell’intimo del cuore. Le poesie del nostro Davide Barletta sono fiori profumati che rallegrano chi legge e spesso ricoprono la pelle di brividi. ”Ero a dismisura intricato a controllare / che la lava dei miei occhi non eruttasse / per poter vedere e buttar giù parole inutili”. Tra le poesie più belle di Davide Barletta troviamo versi che scandagliano il dolore, il tempo, l’amore per la sua donna. Riporto qui alcuni versi, senza voler far torto a tutti gli altri: ”Voglio sentire l’ala di una mosca / posarsi sulla mia guancia destra / la voglio percepire come un bacio / come un sussurro inesistente / per poter sognare”. Versi distanti da altri dove tormento, abbandono, angoscia e agghiaccianti sofferenze si intrecciano e fanno scintillare i nostri nervi ed altri versi dove il nostro bravo poeta sa riportarci nella dolcezza del vivere quotidiano e nella “forte sublimazione della realtà”.

La produzione poetica di Davide Barletta è apparsa come una meteora che, rifulgendo all’improvviso, è poi svanita. Fa parte del suo passato ed è per lui un bel ricordo che custodisce gelosamente e con non poco imbarazzo. Sono testi, scritti tra i 17 e i 22 anni, carichi di forte valenza emotiva. Sono stati animati dalla Musa, ma le vicissitudini della vita lo hanno portato ad altri interessi. Ora la sua Musa tace!

I SOCI DELLA CLEMENTE RIVA

Ruggero Pianigiani (vice-presidente), Anna Rizzello, Susy Giammarco, Sergio Ronci, Paola Mancurti, Germana Linguerri, Letizia De Rosa, Marco Malgioglio, Francesca Faiella, Alessandro Flego, Cristiano Lollobrigida, Manuela Perfetti, Elisa Palchetti, Salvatore Dattolo, Agostino D’Antoni, Francesco Graziani, Francesca Gravante, Giusi Badalotti, Daniela Cococcia, Franca Bernardi, Tiziana Di Bartolomeo, Matteo Mancioppi, Francesco Lavorgna, Pierluigi Califano, Giovanni Mustazzolu, Gianni Maritati.

Soci onorari: Anna Iozzino, Daniela Solarino.

PRISMA. Di Gianni Maritati. Con Ruggero Pianigiani

PRISMA (LOGO UFFICIALE)

PER RICEVERE LA NEWSLETTER, MANDARE UNA MAIL A: G.MARITATI@TISCALI.IT

Blog personale su Facebook: https://www.facebook.com/OstiAnimazione-113783449994695/

ASSOCIAZIONE CULTURALE CLEMENTE RIVA:

Codice Iban: IT 10 N 08327 03231 000000006461

Booky (Francesca & Ruggero Arte)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...