La XIX Festa del libro e della lettura di Ostia il 22 e 23 aprile 2017

“UN MONDO DI STORIE”
INGRESSO LIBERO E GRATUITO PRESSO IL TEATRO DI
S.MONICA, PIAZZA S.MONICA, 1, OSTIA LIDO (ROMA)

 

 
SABATO 22 APRILE
10: LIBRI SOLIDALI. Migliaia di libri usati disponibili ad offerta libera oggi e domani per raccolta fondi destinata al Seminario di Yaoundé (Camerun) e all’ANT-Sezione Ostia
13-15 Pausa
16.30: IL PROGETTO “LEGGERE CONVIENE”. Incontro con lo scrittore Carlo Colasanti
17: LE COLONNE DI ROMA. Incontro con l’autore Gianni Fazzini
17.30: FumettOOstia, terza edizione, gara di fumetto organizzata con Star Shop Ostia. Gratis, per tutti, con materiale proprio, per maggiorenni e minorenni. Raduno e iscrizione partecipanti. La Giuria, formata dai volontari della Clemente Riva e presieduta da Gianluca Serratore, sceglie un tema a sorpresa. Durante la Gara:
* OSTIA-AVELLA, GEMELLAGGIO CULTURALE. Incontro a cura di Antonietta Gnerre
18.30-19.30: RACCONTARE L’ATTUALITA’. Incontro con Sergio Paini (La mezzaluna d’Europa) e Ilenia Menale (La guerra oltre la notizia). Moderatore Massimo Cinque. Con la partecipazione degli studenti del Laboratorio di Giornalismo Cross Medial del Liceo Scientifico “Enrico Fermi” di Aversa
DOMENICA 23 APRILE – GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO
9: Apertura della seconda giornata
11-13: ROMA DA SFOGLIARE. Incontro con Salvatore Spoto (Roma esoterica), Ennio Montano (Divae), Michele Porcaro (La prigione di pietra), Francesca Faiella (L’altra Roma), Claudio Valente e Andrea Montesanti (Quelle capanne chiamate Roma). Rievocazione storica della Legio IX Hispana di Carbognano
13-15: Pausa
17: TRA STORIA E MEMORIA. Incontro con gli autori Massimo D’Adamo (Vagabondo per mestiere), Claudio D’Antoni (Comunicazione artistica), Lisa Ceroni (Sulla pelle di un uomo), Massimiliano D’Anastasio (Parenti del tumore), Armando Palmegiani e Fabio Sanvitale (Accadde all’Idroscalo), Giuseppe Caccavale (I ragazzi di via Stella) e Carmela Pierri (Mangia con gli occhi)
18: FumettOOstia: premi speciali ai primi tre classificati di ciascuna categoria (libri pregiati su storia e tecnica del fumetto); premi a tutti i partecipanti (fumetti e gadget, più il libro Emozioni su Topolino)
18.30: ”AMICI E AMICHE DELLA FESTA DEL LIBRO DI OSTIA”
GRANDE PREMIAZIONE CON BRINDISI FINALE

Per info e contatti: assclementeriva@gmail.com; g.maritati@tiscali.it; 380.1805830
Grazie a: Canale 10, Falegnameria Bertolini, Interdomus, Bookfelix, Ostia Plastic Surgery, Star Shop Ostia
DOMENICA 23 APRILE, ALLE ORE 18.30, LA CONSEGNA DELLE COPPE AGLI AMICI E ALLE AMICHE DELLA FESTA. ECCO I PREMIATI DI QUESTA EDIZIONE:

Andrea Cangialosi
Giulio Mancini
Corrado Croce
Catia Iori
Alberto Tabbì
Oscar Giammarco
Claudio Perfetti
Giovanna Avignoni
Francesca Faiella
Rossella Cirigliano
Samantha Terrasi
Fabiana Olivieri
Pierluigi Califano
Cristiano Lollobrigida
Alessandro Gisotti
Gianluca Serratore
Francesco Bellofatto
Francesco Bonanni
Chiara Ferraro
Tommaso Nicastro

IL SITO DELLA SETTIMANA: GIANLUCA SERRATORE

“GRANDI POPOLI DEL PASSATO”

Per avvicinare i ragazzi alla Storia in modo costruttivo e creativo, ecco una nuova, coloratissima e accurata collana delle Edizioni EL che risponde a tutti i criteri educativi e culturali: “Grandi popoli del passato”. Attraverso un intreccio narrativo, corredato da schede esaustive e bellissimi disegni, possiamo accostarci alle meraviglie, alle innovazioni e ai segreti delle civiltà di un tempo, che spesso ci hanno lasciato un’eredità ricchissima di idee, usanze e monumenti. Questi i primi quattro titoli della collana: I Romani, I Greci, Gli Egizi, I Vikinghi. Il taglio è divulgativo, ma poggia su solide basi scientifiche. Anche un adulto può leggere questi libri con profitto. Vediamoli uno per uno.
I Romani: ingegneri dell’antichità, hanno gettato le fondamenta del mondo moderno. Innovatori nell’arte militare, erano maestri in ingegneria, architettura, idraulica. Seguiamo Numerius, il giovane apprendista, in una villa violata da un furto. Riuscirà a dimostrare la sua innocenza e a trovare il colpevole?
I Greci: fondatori della civiltà, hanno ideato le regole che ancora oggi modellano la nostra società. Soldati agguerriti, grandi matematici, fini pensatori… e sportivi. Tifiamo per Andrippos, il giovane corridore, alle Olimpiadi. Riuscirà a tornare vincitore e a sconfiggere uno spietato spartano?
Gli Egizi: custodi del mistero, hanno fondato un impero durato tre millenni. I loro monumenti, costruiti per garantire la sopravvivenza dell’anima dopo la morte, lasciano i moderni ingegneri a bocca aperta. Esploriamo con Sabu, il giovane artigiano, la valle delle tombe dei re. Riuscirà a salvare un ladro dall’ira del faraone?
I Vikinghi: predatori del mare, hanno razziato le coste per secoli. Ma hanno anche sviluppato una civiltà avanzata, fondato grandi città, esplorato terre lontane. Accompagniamo Ingvar, il giovane vichingo, nella sua prima scorreria. Riuscirà a far valere le sue ragioni o soccomberà al volere del padre?

“EMOZIONI SU TOPOLINO”, NUOVA EDIZIONE 2017: DISPONIBILE ALLA 19.ESIMA FESTA DEL LIBRO E DELLA LETTURA DI OSTIA, 22-23 APRILE 2017, TEATRO DI S.MONICA
UNA COPIA DEL LIBRO VERRA’ DATA IN OMAGGIO A TUTTI I PARTECIPANTI DI “FUMETTOOSTIA”
I PROVENTI SONO DESTINATI ALL’ASSOCIAZIONE PETER PAN ONLUS E ALL’ASSOCIAZIONE CLEMENTE RIVA
Per info, contatti e ordinativi: assclementeriva@gmail.com; 380.1805830. Il libro può essere ordinato anche attraverso la casa editrice APL-Associazione promozione litorale (apledizioni@gmail.com) e su Amazon, Ebay (http://www.ebay.it/itm/-/401277677296?) e libreriauniversitaria.it

“NERUDA” (Recensione di Francesco Costantini)

Al di fuori della comunità cinefila il nome di Pablo Larraín è oggi praticamente sconosciuto. È ragionevole supporre che nel giro di pochi anni la situazione possa mutare in maniera sostanziale e che la solidità complessiva dei suoi lavori guadagni al quarantenne regista cileno il favore del grande pubblico, nei limiti imposti dall’accessibilità del suo modo di vivere e intendere il cinema. Neruda è la sesta tappa di un percorso autoriale inconfondibile e sin qui salutato da un importante successo di critica e chissà, forse il film della svolta. Segue a stretto giro di posta Il Club, Orso d’Argento a Berlino 2015 e Jackie, accolto con punte di notevole entusiasmo e, si mormora, un po’ bistrattato dal palmarès di Venezia 2016, una prova di vitalità e di prolificità che ci rimanda a un cinema d’altri tempi e, se teniamo ben in mente la qualità media, altissima, di tutte e tre le opere, una splendida e inattesa anomalia nel panorama cinematografico contemporaneo. La coerenza del discorso di Larraín è granitica, inappuntabile: puntare la macchina da presa sulle vicende di personaggi esemplari che facciano da riflesso alle peculiari e turbolente traiettorie della storia del natio Cile.
Breve sinossi: nel 1948 Pablo Neruda non è semplicemente un poeta. Forse è il Poeta, e non solo in patria. A voler esser precisi, Pablo Neruda nel 1948 è poeta e senatore della Repubblica del Cile e soprattutto, senatore comunista. Il comunista più famoso del mondo, in quel momento, insieme a Stalin e Picasso. La qual cosa non va proprio giù al presidente Videla, un populista da quattro soldi che prende il potere con l’appoggio dello stesso Neruda ma decide poi di smarcarsi mettendo sotto accusa il poderoso totem rosso. Il poeta, intepretato da un magnifico Luis Gnecco, che ingentilisce il suo personaggio con dolcezza, carisma pomposità e umorismo, tenta la via della fuga in lungo e in largo per il paese in compagnia della moglie pittrice Delia (Mercedes Moran), inseguito dal Prefetto di Polizia Oscar Peluchonneau, un magnetico Gael García Bernal. I due giocano deliberatamente al gatto e al topo per buona parte del film. Ora, per quanto la vicenda sia realmente accaduta e ben documentata, dallo stesso protagonista per di più, è bene precisare che in nessun modo Neruda è, o può essere verosimilmente scambiato, per un biopic di tipo tradizionale. Nelle parole dello stesso regista, un affresco sull’universo nerudiano, un collage di generi, noir (il poeta era realmente un grande amante di storie poliziesche), western e commedia nera, che si fa forte dell’impossibilità di incastonare in maniera esaustiva in un racconto per immagini una personalità davvero larger than life per intessere una serie di originali divagazioni sul tema. Un approccio che dà vitalità e forza ad un genere solitamente impaludato nelle forme dell’agiografia ultra – superficiale. Pensiamo anche al sottovalutato Steve Jobs della coppia Jobs / Sorkin, o al Bob Dylan impressionato da Todd Haynes nel suo straordinario I’m Not There. Al di là delle differenze di visione e di struttura ognuno di questi film risplende di un’originalità e di un’anticonvenzionalità davvero salutare. Neruda è potente, vive di atmosfere languidi e sognanti; la macchina da presa sempre in movimento insegue personaggi che si perdono nei meandri di un viaggio che è in fondo il viaggio di ciascuno di noi, l’odissea della vita, la ricerca dell’identità che si costruisce in se stessi e nell’intrecciare se stessi con gli altri. Il Poeta, Il Poliziotto, la Moglie… ciò che è al principio, ciascuno di questi personaggi, non lo sarà più alla fine del viaggio. Cinema d’atmosfera: una fotografia sensuale e allucinata, che restituisce il respiro opprimente della prima Guerra Fredda, l’asciuttezza e la brutalità della Storia, combinate alle dilatazioni fantastiche del sogno, dell’incubo. Una voce fuoricampo sfruttata in maniera magistrale per sottolineare, arricchire, punzecchiare e deformare il racconto per immagini. Una ricchezza di motivi formali e di soluzioni narrative che si appoggia ad un ritratto anticonvenzionale e meraviglioso, capace di delineare una personalità fuori dal comune, situata sul crinale fra l’arte e l’impegno politico, oggi forse inconsueta e per questo ancora più affascinante. (Questa recensione è precedentemente apparsa sul portale Darkside Cinema)

PRISMA
Di Gianni Maritati. Con la collaborazione di Ruggero Pianigiani
PER RICEVERE LA NEWSLETTER, MANDARE UNA MAIL A: G.MARITATI@TISCALI.IT

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...