”FUMETTOOSTIA. FUMETTI PER PASSIONE!”
IL BANDO DI CONCORSO DELLA TERZA EDIZIONE
L’Associazione culturale Clemente Riva, in collaborazione con la Fumetteria “Star Shop Ostia” diretta da Francescostar-shop-ostia Bonanni, indice la terza edizione di “FumettOOstia. Fumetti per passione!” nell’ambito della 19.esima edizione della Festa del libro e della lettura di Ostia che si svolgerà il 22 e 23 aprile 2017 nel Teatro di S.Monica ad Ostia Lido. L’obiettivo è quello di dare attenzione a temi e personaggi del fumetto ispirati ai grandi valori dell’amicizia, della cultura, della condivisione e della solidarietà.
gianluca-serratore-1L’adesione al Concorso consiste nella partecipazione ad una Gara estemporanea di fumetto, gratis e aperta a tutti, a tecnica libera e con materiale proprio, su un tema scelto a sorpresa dalla giuria. La Gara si suddivide in due sezioni – una per minorenni e una per maggiorenni – e si svolge nell’arco di un’ora. Chi darà il proprio assenso, sarà anche protagonista di un video collettivo che poi sarà pubblicato sui Social Network.
La giuria è formata dai volontari dell’Associazione culturale Clemente Riva e presieduta dall’artista Gianluca Serratore, vincitore della prima edizione del Concorso stesso.
La Gara si svolge nei due giorni della Festa: durante il primo giorno è previsto il raduno e l’iscrizione dei partecipanti (vedi Scheda qui sotto), cui seguirà la Gara stessa. Durante il secondo giorno, si svolgerà la cerimonia finale con la proclamazione dei primi tre classificati che riceveranno premi speciali: edizioni pregiate che raccontano la storia e la tecnica del fumetto. Inoltre a tutti i partecipanti, che donano le loro opere alla Clemente Riva, verranno assegnati come premio fumetti e gadget (matite, colori e altri strumenti utili per disegnare, libri e fumetti con le avventure dei personaggi più famosi della fantasia).
Info/cont.: assclementeriva@gmail.com; g.maritati@tiscali.it; 380.1805830

SCHEDA DI ISCRIZIONE ALLA TERZA EDIZIONE DI “FUMETTOOSTIA…FUMETTI PER PASSIONE!”
(22-23 APRILE 2017)

Il sottoscritto/a
NOME_______________________________________
COGNOME__________________________________
NATO A ________________ IL _______________________
EMAIL ______________________________________________________
Ev. CELLULARE________________________________________

Chiedo di partecipare alla gara estemporanea di fumetto, dichiarando di aver letto il regolamento e di attenermi alle sue regole.

Desidero essere aggiornato sulle future iniziative dell’associazione culturale Clemente Riva
si □ no □

Con riferimento alla legge 675 del 31-12-1996 “tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali”, autorizzo l’associazione culturale Clemente Riva a utilizzare i miei recapiti per comunicazioni interne; ribadisco inoltre di voler donare alla suddetta associazione il disegno realizzato durante Fumettoostia.

DATA_______________

FIRMA________________________________________________
TITO FARACI: “ECCO IL MIO TOPOLINO”
Autore di eccellenti romanzi per ragazzi e sceneggiatore di successo per il settimanale “Topolino” ed altre testate, Tito Faraci ci prende per mano e ci conduce nel dietro-le-quinte dell’arte del fumetto con il libro “Mickey. Uomini e Topo” (add Editore). E’ un testo ricco di rivelazioni e suggestioni, personale e passionale, coinvolgente e molto ben scritto. E che ci dona alcune illuminazioni importanti. La prima, che il Topolino delle origini – quello di “Steamboat Willie” e dei successivi cortometraggi, un po’ folle e anarchico – è un personaggio “giovane”: ha un passato da “scapestrato” che i suoi autori e i suoi lettori devono conoscere bene, se vogliono conoscere a fondo il personaggio, al di là delle etichette e dei pregiudizi.
topolino-tito-faraciNon solo. Topolino poi è “cresciuto”, è diventato un tipo (un Topo) più tranquillo, perbene, amante delle regole e delle leggi. Ma perché? Grazie a chi? Al suo migliore amico, Pippo, ci risponde Faraci. Perché se Pippo accoglie in sé la sfera del carattere stralunato e fuori dagli schemi, tocca a Topolino mettere i piedi per terra e ragionare.
Un altro elemento di riflessione è molto interessante. E’ vero – ammette l’autore – che i fumetti Disney hanno alcuni “limiti” (nessun personaggio, ad esempio, beve o fuma), ma questi limiti sono invece opportunità, spingono la creatività verso territori nuovi e sconosciuti. Avverte Faraci: “attenti a non illudervi di esservi liberati da una gabbia, quando siete dentro a una gabbia più grande, e con sbarre più spesse, anche se invisibile”.
Nel 2018 Topolino farà novant’anni. Il saggio di Tito Faraci è un bellissimo regalo di compleanno, anche perché ci dimostra quanto Topolino sia un personaggio “amabile”, che fa di tutto per farsi amare e benvolere da tutti (anche se non tutti lo “ricambiano”). E anche perché l’autore omaggia in modo opportuno indimenticabili maestri del fumetto Disney come Floyd Gottfredson, Romano Scarpa, Giovan Battista Carpi e Giorgio Cavazzano. Una costellazione di firme dal valore assoluto che hanno assicurato a Topolino una vita e una fortuna eccezionali nel mondo delle nuvolette parlanti, al di là delle sue apparizioni su piccolo e grande schermo.
I NOSTRI LIBRI (IDEE PER LA BIBLIOTECA DI CASA)

sergio-paini-libro

giorgio-caproni-e-roma

la-quarta-corona

mickey-mouse-da-fumetti-francesi

SOPHIA LOREN IN ALTA DEFINIZIONE (DI NUNZIANTE VALOROSO)
Non è un mistero. Complici sicuramente le centinaia di canali disponibili e l’onnipresente Sky, l’home video, nel nostro paese, vive un momento di crisi. Sono ormai dieci anni che l’alta definizione è sbarcata anche sui nostri televisori, grazie al blu ray disc, ma le vendite ristagnano. L’italiano medio preferisce ancora i dvd o lo scaricamento (legale o meno) e l’appassionato che vuole crearsi una propria library digitale in alta definizione, è costretto, sempre più spesso, a rivolgersi al mercato estero. Stupisce che la versione restaurata di molti capolavori del nostro cinema sia disponibile, a prezzi concorrenziali, sui mercati francese, inglese e tedesco, molto tempo prima che da noi. È il caso di due importanti pellicole che la nostra diva per eccellenza, Sophia Loren, ha interpretato insieme a Marcello Mastroianni e che, restaurate di recente, sono state editate, in questa nuova veste, solo in Francia e in Inghilterra.
Matrimonio all’Italiana, diretto da Vittorio de Sica nel 1964, è disponibile in blu ray disc in Francia grazie a Carlotta Films (titolo Mariage a l’Italienne). Si tratta, come noto, della famosa versione cinematografica della commedia di Eduardo de Filippo Filumena Marturano. Nel succoso ruolo della prostituta che, con l’inganno, riesce a farsi sophia-e-marcellofinalmente impalmare dal suo amante, Domenico Soriano (un grandissimo Marcello Mastroianni), Sophia trova pane per i suoi denti. Un personaggio drammatico, divertente, tenero, risoluto: la sua Filumena è tutto questo e viene degnamente sostenuta da Mastroianni, che passa dalla sfrontatezza della prima parte a una vera e propria personificazione dell’istinto paterno nelle scene finali. Ottimo poi il contorno dei caratteristi (Aldo Pugliesi, nella parte dell’autista Alfredo, e la grande Tecla Scarano, nel ruolo della domestica Rosalia). La fotografia in Technicolor di Roberto Gerardi viene esaltata dal nuovo master in 4k realizzato, a partire da un internegativo d’archivio, dal laboratorio “L’immagine ritrovata” della Cineteca di Bologna e l’ottimo audio valorizza appieno la bella colonna sonora di Armando Trovajoli. Tra gli extra del disco troviamo un documentario in cui vengono ricostruiti, a cura dei critici Alain Garel e Sabrina Piazzi, la genesi del film, i suoi risvolti sociali e il suo posto nella commedia all’italiana dell’epoca; presente anche il trailer originale.
È merito invece della Cult Films avere editato, insieme ad una bella versione in HD de La Ciociara (già distribuito in blu ray sul nostro mercato da Mustang Entertainment), uno dei capolavori di Ettore Scola, Una giornata particolare, girato nel 1977, film che rappresenta uno dei punti più alti nelle carriere di Sophia e Marcello. La trama è nota: Il 6 maggio 1938, mentre Hitler è in visita a Roma, Antonietta, una tipica casalinga italiana, resta in casa ad occuparsi delle faccende, mentre marito e figli sono in centro a presenziare all’evento. Per un caso la donna farà amicizia con Gabriele, annunciatore dell’Eiar destinato al confino perché omosessuale. La giornata particolare culminerà in un momento di passione tra i due, che affronteranno il domani portando il reciproco ricordo nel cuore. Restaurato in 4k a cura della Cineteca Nazionale, Una giornata particolare (A special day, in inglese) presenta, per la prima volta dopo anni, la tonalità del colore virato in grigio seppia voluta dal regista e dal direttore della fotografia Pasqualino de Santis, per ricreare l’atmosfera della Roma fascista. Con un procedimento particolare, nei laboratori Technicolor, era possibile desaturare al massimo i colori della pellicola (una caratteristica già sfruttata anni addietro da John Huston nei suoi Moby Dick e Riflessi in un occhio d’oro), ottenendo sullo schermo la sensazione di osservare una vecchia fotografia. La bella edizione Cult Films, oltre a presentare la pellicola anche in lingua inglese (coi protagonisti che si autodoppiano), è arricchita anche da due imperdibili documentari: Sophia, ieri, oggi, domani, intervista realizzata all’attrice da Massimo Ferrari nel 2007 e Ridendo e Scherzando, delizioso incontro del regista Scola con Pif, occasione per ripercorrere la sua carriera, diretto dalle sue figlie, Paola e Silvia.
In conclusione due edizioni imperdibili, due occasioni mancate per il mercato italiano: meno male che, con Amazon, basta un clic e le barriere (almeno per il cinema) si annullano. E, se volete ascoltare ancora la nostra Sophia che si doppia magnificamente in inglese, non perdete l’edizione della Cult Films della Ciociara: accanto alla colonna sonora in italiano è presente anche qui la versione inglese, quella grazie alla quale la Nostra vinse l’Oscar come migliore attrice. Con buona pace di quanti hanno sempre sostenuto, e continuano a farlo, l’incapacità recitativa di Sophia, costretta quasi sempre, nei film americani, a farsi poi doppiare nella edizione italiana (cosa, per la verità, accaduta ben poche volte).

PRISMA
Di Gianni Maritati. Con la collaborazione di Ruggero Pianigiani
PER RICEVERE LA NEWSLETTER, MANDARE UNA MAIL A: G.MARITATI@TISCALI.IT

sala-massimo-troisi-dal-12-2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...