UN’OCCASIONE DA NON PERDERE!
15 APRILE: TERMINE ULTIMO PER PRESENTARE ATTI UNICI INEDITI AL CONCORSO TEATRALE “TUTTA SCENA!”. LA PROCLAMAZIONE DEL VINCITORE E DEI FINALISTI ALLA 19.ESIMA FESTA DEL LIBRO E DELLA LETTURA DI OSTIA (22-23 APRILE)

Il 15 aprile 2017 scade il termine ultimo per prentare Atti Unici inediti, scritti in lingua italiana, per il primo Concorso nazionale teatrale “Tutta scena!”, promosso dall’Associazione Culturale Clemente Riva di Ostia, in collaborazione con il Teatro “Nino Manfredi”. Concorso che rappresenta un’occasione preziosa per tanti autori e che esalta la conoscenza teatrale ed i valori che contraddistinguono l’attività dell’Associazione: cultura, lettura e solidarietà (durata dell’Atto Unico circa 30 minuti, logo di Elisa Palchetti).
La partecipazione è gratuita e aperta a tutti gli amanti del teatro, professionisti e non professionisti, inclusi gli studenti di scuola media superiore individualmente o in gruppo. Ogni autore può partecipare con un solo lavoro. I lavori devono essere inviati insieme alla scheda di partecipazione tutta-scena-logocompilata in ogni suo campo e ad una fotocopia del documento d’identità dell’autore. La documentazione richiesta dovrà essere spedita via mail, in formato PDF, a: assclementeriva@gmail.com. I lavori pervenuti saranno esaminati da una Commissione di esperti. Ogni autore dichiara di possedere tutti i diritti sul lavoro inviato e conserva la proprietà dell’opera inviata ma ne cede i diritti d’uso illimitato all’Associazione Culturale Clemente Riva.
La Commissione eleggerà le tre migliori opere, attribuendo i seguenti riconoscimenti :
– Primo classificato: Trofeo + Attestato + rappresentazione dell’opera da parte di una compagnia teatrale amatoriale operante sul territorio del X Municipio di Roma
– Secondo classificato: Trofeo + Attestato + 4 biglietti omaggio per il Teatro “Nino Manfredi”
Terzo classificato: Trofeo + Attestato + Opera omnia di un autore classico del teatro
La premiazione delle tre opere vincitrici avrà luogo durante la 19.esima edizione della Festa del libro e della lettura di Ostia, presso il Teatro della Parrocchia di S. Monica (22-23 aprile, Piazza S. Monica 1 ad Ostia Lido-Roma), mentre la rappresentazione dell’opera vincitrice è prevista per l’edizione autunnale del 2017 della Festa stessa. Il bando completo è pubblicato su: http://associazioneclementeriva.wordpress.com.

LA “POESIA INQUIETA” DI LUCIANNA ARGENTINO
Ho potuto leggere ed apprezzare la poesia di Lucianna Argentino (conosciuta personalmente durante la seconda edizione della Rocca dei Poeti, ad Ostia Antica, nel dicembre scorso) grazie a due raccolte degli ultimi anni: “L’ospite indocile” (Passigli) e “Le stanze inquiete” (La Vita Felice), cui si aggunge il poemetto “Abele” (Edizioni Progetto Cultura). Tre opere belle e intense, che ci restituiscono l’immagine di un’autrice appassionata, sincera, ricca di ispirazione e di talento. Istantanea, quasi, è la percezione di trovarsi di fronte ad una poetessa dotata di speciale sensibilità, di uno sguardo che sa cogliere la realtà oltre le apparenze e i disinganni. Leggiamo l’Introduzione alle “Stanze inquiete”:
le-stanze-inquiete-320806“Ho scritto questo libro perché non volevo andasse perduto quanto vissuto durante lunghi undici anni alla cassa di un supermercato. Soprattutto non volevo andasse perduta la memoria, seppur minima, di alcune delle persone con cui sono venuta in contatto. Un contatto vero, umano, che è andato oltre i gesti e le parole che il mio angusto ruolo richiedevano. Poi c’erano i foglietti di carta che affollavano le tasche del mio camice e la penna sempre a portata di mano per rispondere alla mia vocazione alla poesia. Ho cercato di andare oltre, di oltrepassare l’arida meccanicità che il mio lavoro in sé richiedeva, ho alzato lo sguardo dai numeri del display per incontrare gli occhi di chi mi stava davanti. Ho cercato di vedere le persone così come sono, con le loro debolezze e le loro grandezze e di affidarmi al fatto che non sapevo altro di chi mi stava di fronte se non che era il mio prossimo, nel senso più ampio e lato del termine. Un essere umano con la sua storia invisibile, una persona cui dovevo rispetto, attenzione e gentilezza così che quei pochi istanti in cui eravamo in relazione si aprissero a un tempo altro. Ho cercato di «scoprire tra la polvere quotidiana il granello di purezza che c’è», è ancora Simone Weil, anche se non sempre ho trovato la purezza, forse perché si esprime solo a sprazzi, in attimi che pure esistono e quando arrivano illuminano il tempo, ne levigano il senso”.
E’ una bellissima dichiarazione di poetica (che troviamo svolta e vissuta in tutta l’opera), quella di Lucianna Argentino: la vita come trepidante e rispettosa epifania, la poesia come racconto di storie, lo sguardo come contatto con il mistero delle persone che ci passano accanto quasi fossero solo delle ombre (sapendo e capendo che, semplici ombre, le persone non sono mai). E poi, bisogna sottolineare il suo amore sconfinato per la poesia, direi quasi la sua devozione. Una sorta di militanza – armata di versi e di libri – che fa della poesia percezione individuale e rivoluzione sociale.

“LA GUERRA OLTRE LA NOTIZIA”: L’ESORDIO DI ILENIA MENALE
Che cosa pensano i giornalisti di guerra una volta rientrati dalla loro missione? E cosa provano in guerra? Perché molti di loro sentono la necessità di scrivere un libro subito dopo l’esperienza di guerra? A queste domande rispondono due ex inviati e giornalisti, Toni Capuozzo e Franco Di Mare, che replicano alle domande dell’autrice e calano il lettore nei loro trascorsi con l’ausilio di due testi recenti: Il cecchino e la bambina e Adiós, entrambi scritti dopo l’esperienza di guerra. C’è differenza tra la notizia riportata sui giornali e quella scritta nei libri? E le loro memorie, quanto incidono nella loro vita quotidiana, quella di oggi? Il giornalista di guerra è anche e soprattutto un uomo che non dimentica, che non vuole, non può e non riesce a dimenticare. Il lettore si cimenta in una breve storia sul giornalismo di guerra ed entra nei toni cupi delle vicende belliche restando sgomento per quello che “vede” pur non avendo mai visto. Ilenia Menale, nata a Napoli mailenia-menale-copertina-libroresidente da alcuni anni a Roma, è una giovane giornalista con due lauree, una in Economia e Management ed una in Comunicazione d’Impresa. Da sempre ripudia ogni forma di violenza. La guerra oltre la notizia è il suo libro d’esordio come scrittrice. Il lavoro ha ottenuto il patrocinio dell’ODG Lazio. La prefazione è di Franco Di Mare. In quarta di copertina, la recensione è a cura di Giovan Battista Brunori, Vice Caporedattore Esteri e Vaticanista Tg2. Spiega l’autrice: “C’è chi sostiene che i sogni sono mera illusione e non si avverano mai. Devo smentire: io ho realizzato un sogno impossibile. La mia Casa Editrice, Mattioli 1885, mi ha supportata e sostenuta fin dall’inizio. Ho presentato il mio libro in tante occasioni insieme a Franco Di Mare, Massimo Cinque, Giovan Battista Brunori e Toni Capuozzo. Con questo lavoro ho voluto lanciare un messaggio: vorrei che nessuno di noi si abituasse all’esistenza di ogni forma di violenza.” Per informazioni: laguerraoltrelanotizia@gmail.com

TOTO’: UN LIBRO COLOSSALE PER UN COLOSSO DEL CINEMA
di Nunziante Valoroso
Quest’anno ricorre il cinquantesimo anniversario della scomparsa di Totò… Un personaggio unico, un attore tra i più popolari ed amati della storia del nostro cinema, una “maschera” favolosa, paragonabile a Charlot per l’enorme impatto avuto sul costume, sulla nostra società e sul gusto degli spettatori. Tantissimi, nel corso degli anni, sono stati i volumi pubblicati sulla vita e sulla carriera del principe Antonio de Curtis, in arte Totò, appunto e, quindi, ci si aspetterebbe di aver letto veramente tutto e di sapere tutto. Invece ci sbagliamo. Totò kolossal – Tutto quello che non sapete e che vorreste sapere sul principe della risata è il libro di Ennio Bìspuri, da qualche mese nelle librerie, che si avvale della tenera prefazione scritta da Isa Barzizza (più volte partner del nostro sulla scena) e che Gremese editore ha aggiunto al suo già vastissimo catalogo in materia di cinema e spettacolo, che ritengo essere certamente il più prestigioso sull’argomento, nel panorama editoriale italiano. Nelle sue 430 ricchissime pagine possiamo leggere veramente tutto su Totò, in toto-kolossalcinque grandi sezioni che ripercorrono la vita, la carriera cinematografica, le produzioni teatrali e quelle televisive di cui è stato protagonista. Ogni film è corredato di una dettagliata scheda, completa di cast, trama, curiosità, calchi e plagi, battute celebri ed errori. Nelle schede troviamo anche citati tutti i casi in cui i vari attori coprotagonisti di ogni film siano stati doppiati, il che è una autentica chicca. Il cinema di Totò viene sviscerato e ricostruito sotto i più diversi ed insoliti profili: troviamo l’elenco di tutti gli sceneggiatori e i registi dei suoi film, così come quelli degli attori e delle attrici che hanno lavorato con lui, delle sue controfigure e delle sue spalle, fino ai casi in cui Totò stesso fu doppiato da suoi colleghi (se interpretava più personaggi, ricordiamo le delizie di titoli come Totò diabolicus e Il più comico spettacolo del mondo); vengono citate le edizioni straniere dei suoi film, i dolorosi casi di censure subite (si pensi al triste e incredibile episodio di Totò e Carolina, diretto dal grande Mario Monicelli, bocciato per ben tre volte dalla commissione di censura, prima che gli venisse concesso il nulla osta alla proiezione, dopo un taglio di oltre 300 metri di pellicola e la modifica al doppiaggio di parecchie battute); non mancano poi tutti i nomi e i mestieri dei suoi personaggi, l’elenco delle canzoni composte, delle poesie, delle interviste televisive e sulla stampa concesse (celebre quella rilasciata ad una tenera e commossa Oriana Fallaci) e delle apparizioni televisive come ospite (basti pensare al leggendario duetto con Mina a Studio uno).
Una curiosa novità, poi, è l’utilizzo, da parte dell’editore, dell’applicazione Clip Case, scaricabile sia su smartphone che accessibile via web, mediante la quale è possibile visualizzare, condividere, ricercare e commentare tantissimo materiale, foto e filmati predisposti appositamente dall’autore come “note interattive” al già ricchissimo testo. Scene famose, fotografie di scena e della vita privata e ulteriori testi sono comodamente accessibili tutti insieme per arricchire ulteriormente l’esperienza del lettore e dell’appassionato. In conclusione, facciamo un appello: da qualche anno Aurelio de Laurentiis ha restaurato in digitale il film Il più comico spettacolo del mondo, che è stato il primo film italiano ad essere girato in 3d e Ferraniacolor. Dopo una fugace apparizione alla Festa del Cinema di Roma, il film è sparito. Perché non riproporlo subito nelle sale come evento speciale e successivamente in blu ray, dato che si tratta anche di un titolo totalmente inedito ufficialmente in video? Vista la ricorrenza del cinquantenario della scomparsa, quale occasione migliore?
“LETTORI FORTI”. E’ LA CAMPAGNA PER IL RISVEGLIO DEL PIACERE (E DEL DOVERE) DELLA LETTURA, PROMOSSA DALLA RIVISTA E CASA EDITRICE “CULTURA E DINTORNI”
“Cultura e dintorni”, prestigioso marchio che identifica sia la rivista culturale che la casa editrice fondate e dirette da Luca Carbonara, continua con successo l’iniziativa “Lettori forti”, rivolta a tutti gli amanti dei libri, dell’arte e della cultura. Spiega Luca Carbonara, poeta e scrittore, oltre che editore e operatore culturale fra i più attivi in Italia: “Questa proposta (provocatoriamente definita così visto l’esiguo numero di libri letti ogni anno dai ‘Lettori forti’ delle statistiche ufficiali) prevede di includere due abbonamenti annuali a ‘Cultura e dintorni’ (per due anni consecutivi, l’abbonamento ha un costo di 30 euro annui) e l’invio di una copia di tutti i libri pubblicati da Cultura e dintorni nell’arco dell’anno (di solito sono circa una decina più una copia di quelli più interessanti già pubblicati). Il contributo richiesto per questo tipo di iniziativa è di 200 euro”. E aggiunge: “questa iniziativa permette ai libri di Cultura e dintorni un’ulteriore possibilità di diffusione e a chi li riceve di interessarsi agli argomenti più vari spaziando in tutta la vasta produzione di Cultura e dintorni, come tutti possono vedere dal sito http://www.culturaedintorni.it che invito a visitare: dalla narrativa alla poesia, dalla saggistica alla manualistica”. Ricordiamo che l’importo è di 200 euro e che il pagamento può avvenire tramite: 1) ccp (Numero di conto corrente 6414454 intestato a “Cultura e dintorni”, Via Corsica, 6, 00198 Roma); 2) bonifico bancario (Coordinate IBAN IT15E0760103200000006414454). Causale: Partecipazione iniziativa “Lettori forti”.

Associazione Culturale “Clemente Riva” (scheda)
* Fondata nel 2010 con lo scopo di promuovere la libera circolazione dei libri, della cultura e dell’arte, secondo la visione cristiana della vita
* Iniziative: Feste del libro e della lettura di Ostia, Mini-Feste del libro, Fast-Fest; Cene socio-letterarie, Flash Book Mob, Un parco di libri; FumettOOstia; Concorsi nazionali Fotolibrando, Tutta scena! (teatro) e Poetamare; Servizi editoriali, formativi e di promozione stampa; Sostegno di due adozioni a distanza in Malawi
* Codice Fiscale: 97621770581 // * Sede: presso Studio Gianni Maritati, Via delle Baleniere, 107, 00121 Ostia Lido (Roma)
* Tel. 380.1805830 // * Punti di raccolta e diffusione libri usati presso:
Parrocchia di S.Monica, Aula 4, ogni martedì dalle 18.30 alle 19.30 e Centro culturale “La Vasca” (piazza S.Monica, 1, Ostia Lido)
Falegnameria “Bertolini” (via Bertolini, 14c, Ostia Lido)
Negozio “Interdomus” (via Diego Simonetti, 40, Ostia Lido)
* Testimonial: Booky, il pesciolino-lettore
* Per donazioni: Codice Iban: IT 10 N 08327 03231 000000006461
Banca di Credito Cooperativo, Agenzia di via Corrado del Greco, 78, Ostia Lido // * Email: assclementeriva@gmail.com
* Riferimenti web: http://associazioneclementeriva.wordpress.com
http://festadellibrodiostia.wordpress.com,
https://prismanews.wordpress.com // * Pagine Facebook: “Associazione culturale Clemente Riva”, “Festa del libro e della lettura di Ostia”, “Prisma” // Canale YouTube: http://www.youtube.com/user/assclementeriva // * Twitter: @Ass_CRiva

PRISMA
Di Gianni Maritati. Con la collaborazione di Ruggero Pianigiani
PER RICEVERE LA NEWSLETTER, MANDARE UNA MAIL A: G.MARITATI@TISCALI.IT

uniostia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...