TORNA LA FESTA DEL LIBRO DI OSTIA:

TRA POESIA E SOLIDARIETA’”

Sabato 28 e domenica 29 novembre 2015, si svolgerà la XV Festa del libro e della lettura di Ostia dedicata sia alla raccolta di cibi non deteriorabili destinati per Natale alle famiglie assistite dalla Caritas sia alla raccolta fondi per il rinnovo di una adozione a distanza in Malawi. Tra gli ospiti, Giulio Leoni e Francesco Sabatini

Una grande raccolta di generi alimentari non deteriorabili a favore della Caritas si terrà sabato 28 e domenica 29 novembre 2015 nell’ambito della XV “Festa del libro e della lettura di Ostia”, appuntamento culturale organizzato dall’Associazione Clemente Riva presso il Teatro della parrocchia di S.Monica, che si affaccia sull’omonima piazza lidense. L’ingresso è libero e gratuito.

ACQUA ALTA A VENEZIA-LIBRERIA

E’ la terza edizione di “Libri solidali”. Olio, pasta, farina e altri cibi serviranno per confezionare i pacchi-dono natalizi della Caritas per i poveri e le famiglie in difficoltà. In cambio di questi generi alimentari, gli appassionati della lettura e della cultura possono scegliere un numero di libri usati (ma in ottime condizioni) proporzionato alla quantità dei cibi donati. Non solo. Poiché vale come sempre il principio dell’offerta libera, si raccoglieranno fondi per il rinnovo dell’adozione a distanza di una bimba del Malawi (da parte della stessa “Clemente Riva”) attraverso la Onlus Seconda Linea Missionaria.

La Festa offre un’ampia scelta di testi e gadget per bambini e ragazzi, di classici e romanzi di ogni tempo, di saggi storici, di raccolte poetiche e di libri di formazione etica, sociale e religiosa, di fumetti. Previsti anche alcuni incontri con grandi autori e scrittori (fra cui il maestro del thriller storico Giulio Leoni e l’insigne linguista Francesco Sabatini), una mostra fotografica dedicata alla poesia e curata da Pino Rampolla, e una speciale degustazione offerta da Mamey Senzaglutine.

Si svolgeranno anche alcuni incontri dedicati agli anniversari di Dante e Pasolini e al Giubileo della Misericordia. Fra gli altri ospiti: Angelo Cacciato, Mariangela Casano, Corrado Croce, Massimo D’Adamo, Leandra Gargiulo, Giulio Mancini, Aldo Marinelli, Fabiana Olivieri, Paola Pau, Alessandra Perlusz, Mario Rosati, Samantha Terrasi, Pietro Trifone. Verrà presentato anche il nuovo saggio del parroco-prefetto di S.Monica, Mons. Giovanni Falbo.

Per informazioni, approfondimenti e contatti: assclementeriva@gmail.com; g.maritati@tiscali.it; 380.1805830.

UN VIAGGIO NEL MONDO DI WALT DISNEY (di Nunziante Valoroso)

In un libro di Andreas Deja i grandi animatori dell’epoca d’oro di Walt

È appena uscito in USA, ma è disponibile anche da noi tramite Amazon e altre librerie specializzate, uno straordinario volume edito dalla CRC – Focal Press, The Nine Old Men – lessons, techniques and inspiration from Disney’s great animators ad opera di uno dei più straordinari animatori che abbiano mai lavorato per gli studi Disney: Andreas Deja. Deja iniziò la sua carriera agli studios a vent’anni, lavorando all’animazione ed ai personaggi di opere come Chi ha incastrato Roger Rabbit, Oliver & Company, Basil l’investigatopo. In seguito ha curato l’animazione di alcuni grandi cattivi Disney come Jafar in Aladdin, Gaston ne La Bella e la Bestia e Scar nel Re Leone. È stato anche l’animatore di personaggi classici come Topolino e Pippo e molti ricordano con affetto il suo Ercole del lungometraggio Hercules (1997). Avendo lavorato fianco a fianco, come apprendista, dei principali animatori dell’epoca d’oro di Walt Disney, quelli che Walt stesso amava definire i “Nine Old Men”, i “Nove Vecchi”, ideatori dei principi base dell’animazione e realizzatori delle più belle sequenze dei classici Disney, Deja, con questo volume, ha inteso rendere omaggio ai suoi mentori, oltre a realizzare un affettuoso ed emozionante omaggio all’animazione tradizionale realizzata con carta e matita, della quale continua ad essere sostenitore e che, a nostro modesto avviso, non potrà mai essere superata da nessuna animazione computerizzata. Ovviamente, il testo dei capitoli è in inglese e, in ognuno di essi, Deja analizza e discute il lavoro e le scelte creative del singolo animatore e l’approccio al personaggio disegnato; per il lettore che non conosce l’inglese, però, il volume offre egualmente spunti interessanti ed unici, attraverso la pubblicazione di tantissimi disegni e schizzi originali, che offrono un retroscena unico ed affascinante della storia dell’animazione disneyana. Ecco allora, come per magia, prendere vita davanti ai nostri occhi, sulla carta stampata, i personaggi e le scene di alcuni dei più memorabili film di Walt Disney. Rivediamo, dalla matita di Les Clark, gli imperiosi gesti da direttore d’orchestra di Topolino apprendista stregone in Fantasia; ecco Wendy prendersi gioco di Capitan Uncino nel finale di Peter Pan; ecco Ciccio, il goloso cugino di Paperino, protagonista del cortometraggio Donald’s cousin Gus, animato da Wolfgang Reitherman, autore anche delle animazioni della Balena di Pinocchio e del Tirannosauro di Fantasia; ecco, dalla raffinata matita di Eric Larson, la cagnetta Gilda di Lilli e il Vagabondo, la nascita del Brutto Anatroccolo, il simpaticissimo topo Groviera degli Aristogatti, la leggerezza del volo di Peter Pan; Ward Kimball viene omaggiato con le sue animazioni del Grillo Parlante di Pinocchio, del gatto Lucifero in Cenerentola, dello Stregatto e del Cappellaio di Alice nel paese delle meraviglie; la raffinatezza di Milt Kahl si nine old menrivela nelle sue figure caricaturali ed al tempo stesso eleganti di Pecos Bill e del Granduca di Cenerentola ed esplode nella virilità del Principe Filippo della Bella Addormentata o nella furia comica di cattive leggendarie come Maga Magò ne La Spada nella Roccia o Medusa ne Le avventure di Bianca e Bernie; ecco gli indimenticabili cattivi Madame Tremaine, matrigna di Cenerentola, la Regina di Cuori di Alice, Capitan Uncino di Peter Pan, tutti usciti dalla matita di Frank Thomas; ecco gli indimenticabili Pinocchio, Alice e Baloo del Libro della Giungla, tratteggiati da Ollie Johnston; il delizioso Mago Merlino della Spada nella Roccia, tratteggiato da John Lounsbery. A un genio come Marc Davis si devono la danza di Biancaneve coi nani, la grazia di Cenerentola, la leggerezza di Rosaspina, la Bella Addormentata, e la raffinata cattiveria di una strega come Malefica, dallo stesso film, per non parlare di un’icona del ‘900 come Crudelia de Mon, di cui possiamo finalmente ammirare nei minimi dettagli la scena finale in cui piange disperata la propria sconfitta ne La carica dei 101, scena che, nel film, è un po’ penalizzata dalla ripresa in campo lungo del personaggio. E, dopo questa entusiasmante carrellata, al lettore resta la sensazione di aver in qualche modo vissuto un’epoca del secolo scorso probabilmente irripetibile e di essere stato testimone di una forma d’arte unica.

logo MAMEY store & cafè

PRISMA

Di Gianni Maritati. Con la collaborazione di Ruggero Pianigiani

http://associazioneclementeriva.wordpress.com (TEL. 380.1805830);

prismanews.wordpress.com; festadellibrodiostia.wordpress.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...