La cultura come “magia” alla XIV Festa del libro di Ostia che si è svolta sabato 23 e domenica 24 maggio 2015

LA POLITICA MOSTRI FINALMENTE

IL SUO VOLTO MIGLIORE”

Bilancio più che positivo per la “Festa del libro e della lettura di Ostia”, che sabato 23 e domenica 24 maggio è giunta alla 14.esima edizione con il titolo “Quando i libri attraversano l’oceano”.

Fra i tanti contenuti della Festa, l’appello degli scrittori che hanno partecipato all’incontro su “Letteratura e politica: quale rapporto?”. Se alcuni preferiscono prendere le distanze da una politica degradata ed asservita ad interessi illeciti, molti altri chiedono alla letteratura di tornare a svolgere anche un ruolo di promozione etica e civile, “costringendo” la politica a mostrare finalmente il suo volto migliore, che è fatto di fatica ed impegno, vocazione e servizio al bene comune.

1

Dopo due gorni molto intensi, è il momento qui dei ringraziamenti per l’ottima riuscita della Festa e di alcune riflessioni importanti. Ringrazio il parroco-prefetto di S.Monica mons. Giovanni Falbo e il vice-parroco don Franco De Donno come pure Evola Fratoni, che ci ha parlato di “Mais Onlus” e dei suoi molteplici progetti di solidarietà internazionale fra cui quello della Bibilioteca “Nino Miraldi” a Rio de Janeiro (alla quale, oltre che alla Caritas di Ostia, abbiamo dedicato la raccolta fondi di solidarietà). Il coordinatore e il presidente di questa Biblioteca brasiliana, unico avamposto socio-culturale in uno dei sobborghi più disagiati di Rio, hanno inviato una lettera di ringraziamento ai volontari dell’Associazione Clemente Riva: “… la conoscenza è magica e la lettura offre viaggi senza limiti, che ci fanno attraversare l’oceano e stare vicini! Bellissimo il tema scelto ‘Quando i libri attraversano l’oceano’, sicuramente i libri incontreranno occhi curiosi e affamati di nuove storie! E con il vostro aiuto, nuovi libri riempiono gli scaffali della nostra biblioteca. Qui siete i benvenuti, vi aspettiamo!”

Ringrazio poi gli scrittori e i poeti che hanno dato il loro contributo alla Festa: Henry Ariemma, Cinzia Baldini, Pierluigi Califano, Mariateresa Cimino, Francesca Faiella, Roberto Fraschetti, Enrico Pucci, Daniela Taliana, Leonardo Villeggiante. Ringrazio i tanti amici che ci sono venuti a trovare: Eleonora Caradonna, Giovanni Rizzi, Stefania Amadio e Silvia Tangredi, Maurizio Patrignanelli, Sara Cicerone e Angela Lombardi, Modesto Sorrentino, Caterina Dini, Amedeo Paglia, Patrizia Ruscio, Marcello Fini, Andrea Cangialosi, Mario Rosati (che ha esposto i quadri del ciclo “Gino il bagnino”), Salvatore Spoto, Stefania Zoppo, Patrizia Anatriello, Lodovico Pace, Marco Alessandri, Pina Rodolà, Remo Remoli, Luigi Ruggini e Cristina Palaia.

Ringrazio anche i premiati del secondo “FumettOOstia”: prima classificata Theodora Tistea, secondo Daniele Aremi, terzi a pari merito Valentino Liu e Sofia Paci, quarti Anna Rita Severini, Andrea Palombini e Alessio Palombini (quest’ultimo ha avuto anche il premio speciale della critica). Ringrazio tutto lo staff del concorso (in particolare, il presidente della giuria Gianluca Serratore e lo sponsor Francesco Bonanni, gestore della storica fumetteria “Star Shop Ostia”) e Diletta Labella, presidente di giuria al primo concorso, premiata per la sua attività di esperta dell’arte dell’animazione. A proposito, il backstage della gara è visibile al link:

https://www.dropbox.com/s/3slfkbkj5l2gd0h/FumettOOstia%20-%20Gara.wmv?dl=0

Ringrazio Alessandro di “Mamma Africa Onlus” e Giuseppe Masucci di “Mamey Senzaglutine”, altro nostro grande e importante sponsor. Ringrazio l’Oratorio dei Genitori e della Famiglia di S.Monica per il loro spiccato talento teatrale: Walter, Maurizio, Mauro (Bufalino), Domenico, Sonia, Antonio, Valentina, Giulia, Mauro (Conti), Donatella.

Ringrazio tutti i soci della “Clemente Riva” e in particolare Liliana, Germana, Letizia, Ruggero, Elisa, Aurelio, ma anche Anna con le sue amiche Tonina e Mariolina, i fratelli Simone e Samuele e i coniugi Paola Mancurti e Sergio Ronci, che nei mesi precedenti la Festa hanno dato un contributo notevole alla scelta dei libri da mettere a disposizione come sempre ad offerta libera. Ringrazio infine Canale 10 che attraverso Antonello Piscolla e Alberto Tabbì ci segue sempre con affetto e puntualità.

Anche questa Festa ha voluto lanciare alcuni messaggi positivi e incoraggianti, convinti come siamo che lamentarsi e denunciare non basta: bisogna “fare”. C’è ancora tanta gente che crede nel valore educativo della lettura e nella funzione etica e sociale dei libri. Non solo. Assieme ai libri, bisogna valorizzare il teatro, l’arte, i fumetti, tutte quelle espressioni e tutti quei linguaggi che arricchiscono l’animo umano, aprendo il suo cuore e la sua mente. L’Associazione Clemente Riva, che abbina cultura e solidarietà, continuerà a dare il suo umile contributo alla costruzione di una società diversa, più attenta e sensibile.

TOMORROWLAND-IL MONDO DI DOMANI”: L’UTOPIA DI WALT DISNEY RAPPRESENTATA NEL NUOVO FILM DELLA COMPANY

(Di Nunziante Valoroso)

Ogni tanto, nel listino della Walt Disney, ormai fagocitato dai supereroi Marvel e dai Guerrieri Stellari di Lucas pompati a più non posso, spunta il cult, il film che magari non scalerà le classifiche degli incassi ma si guadagnerà il suo posto nel cuore di tutti gli appassionati del mondo di Walt. È successo lo scorso anno con Saving Mr. Banks ed oggi Tomorrowland–il mondo di domani si propone continuatore ideale di quello che potrebbe essere un nuovo corso degli Studios: omaggiare la figura di colui che è stato uno dei geni del Novecento con storie nuove ed accattivanti ma che citino con sapienza e complicità tutto quello che è sempre stato “disneyano” per l’appassionato. Interpretato dalla giovane Britt Robertson e da un George Clooney che, maturando, diventa sempre più interessante come artista e come uomo, questo Tomorrowland unisce l’omaggio alla famosa sezione futuristica del parco Disneyland a quello all’uomo Disney ed alla sua filosofia di vita, confezionando il tutto con un messaggio all’umanità che, in tempi come i nostri, potrebbe risultare scontato ma è invece quanto mai calzante ed adeguato. Nonostante alcuni sbalzi di sceneggiatura, la regia di Brad Bird, che per la Disney ha già diretto Gli Incredibili e Ratatouille, si scatena in una sarabanda di avvenimenti e colpi di scena ricchi di rimandi al famoso “plausibile impossibile” che Walt

2

inseriva spesso nei suoi film e che richiama più di una volta gli sviluppi narrativi di una serie come Lost (lo sceneggiatore della serie ha collaborato insieme al regista per lo script). La storia comincia all’Esposizione mondiale di New York del 1964, dove Frank Walker, un bambino dalla fervida immaginazione, si reca per presentare, senza successo, un suo prototipo di Jet pack. Qui conosce Athena (la piccola attrice Raffey Cassidy), una misteriosa bambina che gli consegna una spilla mediante la quale il ragazzino si trova trasportato nel favoloso mondo parallelo di Tomorrowland, una terra in cui si dovrebbe sperimentare la bellezza e la speranza del futuro. Tornati in epoca odierna, facciamo la conoscenza della giovane Casey, una ragazza che ha la stessa immaginazione del piccolo Frank e che, ogni notte, si reca a sabotare i cantieri preposti allo smantellamento della rampa di lancio degli space shuttle a Cape Canaveral, dove lavora il padre, un ingegnere della Nasa destinato alla disoccupazione. Casey, in un mondo sempre più disperato e rassegnato alla fine, sembra l’unica a credere che l’umanità abbia ancora la possibilità di cambiare il suo destino. Quando viene messa dentro a causa dei suoi sabotaggi e rilasciata la mattina dopo, trova tra i suoi effetti personali una spilla come quella che oltre cinquanta anni prima aveva portato il piccolo Frank a Tomorrowland. La spilla le è stata data da Athena, che misteriosamente non è cambiata e che vuole convincere Casey a ritrovare Frank. Questi, invecchiato e disilluso, vive isolato dopo essere stato bandito da una Tomorrowland che si trova in balia del perfido governatore David Nix, in un decadimento analogo a quello della Terra. Frank si convincerà ad aiutare Casey e, insieme ad Athena (che è in realtà uno straordinario androide capace di sentimenti) ed alla ragazza, tornerà a Tomorrowland per tentare di salvare il pianeta dalla minaccia dell’autodistruzione. Scenografie spettacolari (tra le scene spicca la meravigliosa partenza verso Tomorrowland con la Torre Eiffel trasformata in rampa di lancio) e una colonna sonora affascinante, opera di Michael Giacchino, fanno di questo Tomorrowland –il mondo di domani un bel film per famiglie, che non deluderà gli appassionati Disney e chi voglia tornare ad una fantascienza che non sia solo morte e distruzione, come ai bei tempi di Black Hole e Tron.

TELEFONO DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE CLEMENTE RIVA DI OSTIA: 380.1805830 (attivo da lunedì a venerdì, nel week end solo se sono in corso eventi dell’Associazione)

4

PRISMA

Di Gianni Maritati. Con la collaborazione di Ruggero Pianigiani

http://associazioneclementeriva.wordpress.com;

prismanews.wordpress.com; festadellibrodiostia.wordpress.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...