I MARTEDI’ DI NOVEMBRE ALLA “VASCA”

A PARTIRE DAL 4 NOVEMBRE, TUTTI I MARTEDI’ DEL MESE LE RIUNIONI DEI SOCI DELLA “CLEMENTE RIVA” SI SVOLGERANNO PRESSO “LA VASCA”, IN PROSPETTIVA DELLA PROSSIMA FESTA DEL LIBRO DI S.MONICA-VASCAOSTIA CHE SVOLGERA’ PRESSO IL TEATRO DELLA CHIESA DI SANTA MONICA (22-23 NOVEMBRE). CHI VUOLE DONARE I PROPRI LIBRI ALL’ASSOCIAZIONE E’ INVITATO A VENIRE QUI (ORARIO 18.30-20). “LA VASCA” SI TROVA ALLE SPALLE DELLA CHIESA DI S.MONICA (CHE SI AFFACCIA SULL’OMONIMA PIAZZA AD OSTIA LIDO), DOVE SI TROVANO IL CAMPETTO DI CALCIO E IL “GIARDINO DELLA FAMIGLIA”.

CONCORSO NAZIONALE “FOTOLIBRANDO 2”, ECCO UNA DELLE SEI “SEGNALAZIONI SPECIALI”: Marco Giuffrida – Locus Amoenus

2.LOCUS AMOENUS (MARCO GIUFFRIDA)

PIXAR STORY”

Ci sono saggi che si leggono come romanzi e “Pixar Story” è uno di questi. Lo ha scritto, con grande sentimento e competenza, Pietro Grandi, che ha aggiunto questo sottotitolo: “Passione per il futuro tra arte e tecnologia” (Hoepli edizioni, 2014).

L’autore ricostruisce la storia di uno dei più celebri Studi d’animazione, la Pixar appunto, nata nel 1986 dalla costola tecnologica della Lucasfilm. Con l’avvento della Pixar (ora inglobata nella Disney) l’arte dell’animazione non è più la stessa e l’autore ci conduce per mano alla PixarStory-658x1024scoperta delle idee, delle tecniche e delle persone che stanno “dietro” il suo successo planetario. La Pixar, come sanno tutti, è autrice del primo lungometraggio animato tutto generato al computer (“Toy Story-Il mondo dei giocattoli”, 1995), ha lanciato un capolavoro dopo l’altro (da “A bug’s life” a “Cars”, da “Monsters & Co.” ad “Up”) e si è coperta di gloria con vari premi Oscar e tanti altri prestigiosi riconoscimenti.

L’autore, utilizzando anche fonti di prima mano, riesce a portarci nel cuore dell’”azienda” Pixar, dove convivono in equilibrio il principio della creatività collettiva, lo spirito di lealtà e di fiducia reciproca, la felice contaminazione delle idee e delle competenze, la volontà inesausta di sperimentare, di superarsi continuamente e quindi di spostare sempre più in alto la qualità dei risultati ottenuti, senza paura degli errori e degli inevitabili fallimenti (da cui si può e si deve imparare tantissimo). Insomma, come dice il suo nume tutelare John Lasseter, la Pixar è una sintesi perfetta tra Hollywood e la Silicon Valley.

Mi permetto solo di segnalare tre cose, magari in vista di una seconda edizione, necessaria nei prossimi anni quando la Pixar farà uscire dal suo magico cappello a cilindro altri capolavori: in fondo al saggio, aggiungerei un piccolo Glossario e articolerei per temi la vasta Bibliografia proposta in puro ordine alfabetico (distinguendo ad esempio i saggi biografici dalle monografie dedicate ai film). Infine, avrei messo l’ultimo paragrafo (“Segui la tua curiosità”) all’inizio del libro: con la sua forte carica emotiva, questo paragrafo “scalda” il lettore e lo prepara a conoscere o ad approfondire tutti i segreti della Pixar.

TORINO IN ANIMAZIONE PER UNA SETTIMANA

Diario disneyano dell’ultima View Conference sull’animazione

Di Nunziante Valoroso

Dal 13 al 17 ottobre scorso, nella bella cornice della città di Torino, si è svolta la quindicesima edizione della View Conference (più precisamente la “International Computer Graphic Conference”), l’evento di portata internazionale, a cadenza annuale, che presenta le novità sulla computer grafica, le tecniche interattive, il cinema digitale, l’animazione 2d/3d, i videogiochi e gli effetti speciali. Tra seminari, workshop e presentazioni di novità, la parte del leone ovviamente l’hanno fatta le case di produzione che hanno svelato alcuni segreti delle prossime uscite e deliziato il folto pubblico dilava pixar studenti ed appassionati con “dietro le quinte” divertenti e competenti. Tra i Puffi della Sony e i Pinguini di Madagascar della Dreamworks, ovviamente Disney e Pixar si sono ritagliate un loro seguitissimo spazio, con alcune interessanti presentazioni. Il viaggio dietro le quinte della casa di Topolino è iniziato martedì 14 con un seminario-presentazione del nuovo lungometraggio d’animazione Disney Big Hero 6, film che segna il gemellaggio definitivo tra Marvel e Disney (prodotto da quest’ultima, è tratto da un fumetto Marvel) ed è ambientato nella futuristica città di San Fransokyo, irresistibile connubio tra Tokyo e San Francisco. E proprio sul rendering delle inquadrature e delle luci di San Fransokyo ha svolto la sua relazione Alessandro Jacomini, lighting supervisor dei Disney Animation Studios, che ha collaborato anche al grandissimo successo di Frozen. Il giorno dopo, ecco l’attesissima anteprima europea del nuovo cortometraggio Pixar Lava, presentato da Bill Watral, supervising technical director dei Pixar Animation Studios. Si tratta di un corto tutto musicale su di un vulcano, Uku, che vorrebbe disperatamente qualcuno da amare (someone to lava, recita in un buffo ma, alla fine scontato gioco di parole l’orecchiabile canzoncina che accompagna il corto, scritta dal regista James Ford Murphy) e finirà per “convolare” a nozze con Lele, un vulcano femmina. L’idea di base è carina, le scenografie sono mozzafiato ma, per la verità, l’idea di fondo della canzoncina orecchiabile che identifica i personaggi non è nuova: cinquanta anni fa era alla base dei più celebri “caroselli” realizzati da animatori italiani come i Pagot e i Gavioli. Finalmente, giovedì 16, l’evento atteso da praticamente tutti i partecipanti alla View Conference: il seminario tenuto dal leggendario Glen Keane, l’animatore Disney a cui si devono personaggi come la Sirenetta, Aladdin e Pocahontas, paladino dell’animazione a matita in un mercato ormai tristemente votato alla computer animation, che ha presentato ad un pubblico entusiasta il suo corto Duet, realizzato in collaborazione con Google, e che sarà presto disponibile anche come applicazione interattiva per portatili e smartphone, in una versione che permetterà allo spettatore di scegliere quale dei due personaggi seguire. L’intervento di Glen è stato portatore di una valanga di emozioni che hanno spazzato via ogni eventuale mediocrità e noia delle presentazioni di animazione digitale. Il corto Duet, storia in musica dell’incontro, dell’amicizia e dell’amore tra un ragazzo ed una ragazza dall’infanzia fino all’età adulta, degno dei corti musicali di Walt Disney degli anni ’40, ha strabiliato il pubblico. Glen ha poi mostrato un pencil test di animazione della Sirenetta che ha fatto gridare al miracolo e alcune prove di animazione di Tarzan e Rapunzel. Ha ricordato con affetto i Nine Old Men, gli animatori stretti collaboratori di Walt che sono stati suoi mentori e, infine, ha salutato con un sorriso il folto pubblico che, emozionato e commosso, gli ha tributato una meritatissima standing ovation. L’ultimo giorno della Conference, venerdì 17, è stata quasi un omaggio a Keane la presentazione del corto Disney Feast, che sarà abbinato a Big Hero 6. Il regista Patrick Osborne ha illustrato, con dovizia di immagini e particolari, la realizzazione di questo gioiellino che, pur animato al computer, ricorda molto l’animazione tradizionale: infatti, si ha l’impressione di vedere in movimento gli schizzi preparatori del film stesso, mentre assistiamo, sempre senza dialoghi, ad una storia d’amore presentata dal punto di vista di Winston, il cane del protagonista, e caratterizzata dalla descrizione perfetta di tutte le attività culinarie della casa e di quello che viene dato da mangiare al cane stesso. La tecnica usata, chiamata Meander, che crea effetti pittorici nella computer grafica, richiama molto il precedente corto Paperman, di cui Osborne è stato direttore dell’animazione, e sarà una piacevole sorpresa per tutti gli appassionati d’animazione.

TELEFONO DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE CLEMENTE RIVA DI OSTIA: 380.1805830 (attivo da lunedì a venerdì, nel week end solo se sono in corso eventi dell’Associazione)

PRISMA

A cura di Gianni Maritati. Con la collaborazione di Ruggero Pianigiani e Chiara Ferraro

http://associazioneclementeriva.wordpress.com;

prismanews.wordpress.com; festadellibrodiostia.wordpress.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...