DA BIANCANEVE A MERIDA, WALT DISNEY RACCONTA LE DONNE

MeridaMerida, la protagonista del kolossal d’animazione “The Brave-Ribelle”, è l’ultima “sorella” di Biancaneve, l’ultima “principessa” giunta nel Fantastico Mondo di Walt Disney. E adesso con orgoglio può anche sfoggiare, insieme all’arco e alle frecce, la statuetta dell’Oscar. Il suo infatti è stato giudicato di recente dall’Academy di Los Angeles come il Miglior film d’animazione (un riconoscimento – detto per inciso – che forse avrebbe potuto essere attribuito con più “coraggio” al delizioso “Frankenweenie” di Tim Burton, sempre della Disney). La rossa Merida, ragazza indipendente e principessa senza principe, è la più recente incarnazione dello spirito femminile raccontato nell’universo dell’immaginazione colorata. In principio, come sanno tutti, fu Biancaneve: una figura leggiadra, quasi asessuata, icona della ragazza bella e buona ma sfortunata che deve aspettare l’arrivo sbaciucchiante di un Principe Azzurro per vincere il male, la morte e la “solitudine”: nel senso che poi salta sul cavallo bianco, si sposa e addio condizione da “single”. Merida invece è allergica al matrimonio. Al massimo, se proprio deve sposarsi, vorrebbe potersi scegliere il giovane con cui condividere il resto della propria vita. Come darle torto? Fra Biancaneve e Merida, cioè fra gli Anni Trenta del secolo scorso e gli Anni Duemila c’è un abisso: una valanga di trasformazioni sociali e culturali. Se le figure di Cenerentola e di Aurora (la bella addormentata nel bosco) si pongono sostanzialmente sulla scia di Biancaneve, il racconto disneyano sull’emancipazione femminile arriva ad una svolta con Ariel, la sirenetta, per poi intraprendere una strada più decisa con Belle, che cambierà il cuore della Bestia, e con Jasmine, amata da Aladdin, ma anche con la volitiva Pocahontas (la prima del “club” che non arriva all’altare), con Esmeralda, la coturbante ballerina gitana del “Gobbo di Notre-Dame”, e con Mulan, delizioso mix di guerra e dolcezza. La moracchiona Tania de “La principessa e il ranocchio” (la prima di colore) e la biondissima Rapunzel completano il processo di cambiamento: mentre il corpo si affolla di forme matureDisney-Princess-Merida-disney-princess-33090465-1039-556 e di curve pericolose, la volontà della donna è più marcata e indipendente, lo sguardo si fa determinato, le scelte sempre più libere e consapevoli. Con Merida siamo arrivati anche alla “sparizione” del Principe Azzuro, se non nella variante comica di tre improbabili pretendenti… Meglio di tanti saggi storici e sociologici, i film delle principesse Disney raccontano dunque la storia delle donne negli ultimi ottant’anni, il loro cammino di autocoscienza e di emancipazione, la dignità e la forza dei loro diritti. Con la leggerezza e l’acutezza che solo un cartoon riesce ad esprimere.

VANNO I MIEI PENSIERI….”, L’ESORDIO POETICO DI MARIA CAPIZZI

Prefazione di Gianni Maritati

Maria Capizzi è una signora sorridente, dal passo leggero, educata e discreta: il ritratto vivente della sua stessa ispirazione poetica. “Vanno i miei pensieri…”, pubblicata da un Editore intelligente e lungimirante come Cultura e Dintorni, è la sua prima raccolta e appare nella collana “I poeti del nostro tempo”, una gemma nel panorama poetico italiano.

copertinaCapizziE’ un libro denso di vita vissuta e di messaggi, di impressioni e di metafore.Colpisce, prima di tutto, la forte presenza di Dio, di quel “Signore della vita e della morte / Signore di ogni sorte” che governa il cosmo e guida la storia. E che si è fatto regista del grande film della natura: “Ovunque lo sguardo si posa / vedo la bellezza di ogni cosa, / creata da Te Dio onnipotente, / per deliziare cuore e mente.” Innestati sul solido albero della visione religiosa, tanti sentimenti che si affacciano sui versi di Maria Capizzi come fiori freschi sui balconi d’estate, che cercano la luce del Sole e, qui, gli occhi e il cuore del lettore. Sentimenti come la nostalgia per le persone care che non ci sono più, l’amore per la bellezza del creato e l’unità della famiglia, l’incanto favolistico della civiltà contadina accompagnato dal dolce suono delle campane, l’aspirazione all’infinito che si fa bussola interiore per una creatura semplice che crede nelle cose semplici…

Più che una raccolta, “Vanno i miei pensieri…” è una sola, lunga filastrocca che, con rime baciate o alternate, ci invita a riassaporare il gusto dei valori forti e solidi di una volta, ma sempre vivi e attuali. E lo fa con un tocco soave, senza pretese didascaliche o moralistiche. Questa è una poesia che nasce dall’energia e dalla sincerità delle relazioni umane, da una condizione di vita sobria e onesta indossata, con serena dignità, per tanti, lunghi e operosi anni.

Con un linguaggio antico e sempre nuovo, l’autrice ci parla dell’amore per gli altri, dell’io che cerca il tu e diventa un noi, del valore di un bacio o di un abbraccio, ma anche della sconfinata magia del mare, specchio di quel flusso misterioso e ininterrotto che chiamiamo vita. E che solo la poesia può incatenare nel soffio di un verso. (Per informazioni: www.culturaedintorni.it)

ARTE IN ENOTECA”, NUOVA INIZIATIVA DI “SPAZI ALL’ARTE” (di Letizia De Rosa)

locandina Arte in Enoteca Finale

Il 21 febbraio scorso l’associazione SPAZI ALL’ARTE ha presentato “Arte in Enoteca”, stagione primaverile di mostre pittoriche e fotografiche, seminari storici, presentazioni di libri e letture di poesie presso l’enoteca bar La Drogheria a Piazza Tor San Michele a Ostia Lido, che proseguirà fino a giugno. L’inaugurazione è stata l’occasione per far conoscere i progetti dell’associazione, nata per rivendicare spazi sul territorio del XIII Municipio dedicati all’arte in tutte le sue forme espressive. Questa associazione è sorta piuttosto spontaneamente, accomunando artisti conosciuti ed affermati ed artisti esordienti allo scopo di ricercare il pubblico proprio negli spazi frequentati dal pubblico, in modo tale da incuriosirlo, interessarlo, stimolarlo ad accostarsi alla sensibilità e alla realtà artistica che lo circonda. SPAZI ALL’ARTE intende inoltre costituirsi come un punto di riferimento essenziale, dinamico, poliedrico e alternativo per i giovani, per catturarli e connotare gradualmente la loro identità. Per questo è già attivo il progetto “Prendi un libro lasciando un libro”: si tratta di usufruire della lettura di libri lasciati presso esercenti, studi medici, strutture di pubblica utilità di Ostia in forma gratuita e arricchire via via queste stazioni culturali con il dono di altrettanti libri precedentemente selezionati e messi a disposizione. Le buone idee sono proprietà di tutti: sosteniamo e diffondiamo i buoni progetti! La serata ha ospitato due artiste, Dalma Cimino e Anna Proietti, che hanno presentato le loro opere pittoriche realizzate con varie tecniche. La prima ha esordito nel 1990 e di recente s’è accostata al figurativo in una forma originale e coinvolgente, accogliendo lo spettatore nel tessuto narrativo delle tematiche, che raffigurano delle vere e proprie tranches de vie , offrendo spaccati di vita quotidiana colti nel loro divenire, attraverso pennellate morbide ed essenziali. L’altra pittrice, Anna Proietti, è artista più giovane ma altrettanto espressiva ed esperta nella tecnica pittorica. I suoi quadri, lavorati ad olio, ad acquerello o a tecnica mista, rivelano una sensibilità non comune indirizzata alla rappresentazione di paesaggi connotati da un’atmosfera suggestiva e delicata. Pochi sono gli elementi pittorici che richiamano ad ambientazioni familiari e sentimentali, realizzate con pennellate sintetiche, geometriche, espressive e cromatismi avvolgenti e mediterranei. Per Info: associazionespaziallarte@gmail.com.

FOTOLIBRANDO”: C’E’ TEMPO FINO AL 18 MARZO PER PARTECIPARE AL CONCORSO SU “ARTE E VALORE DELLA LETTURA”

(di Sandro Capodiferro)

Immagini e parole corrono sullo stesso filo d’emozione che lega gli occhi al battito di un cuore. E’ con questa idea che è nato Fotolibrando, un concorso organizzato dall’Associazione Culturale Clemente Riva di Ostia, con l’intento di ampliare i confini delle proprie iniziative culturali, aggiungendo una forma d’arte che radica nel passato le sue moderne ispirazioni futuristiche: la fotografia. L’accoglienza del pubblico e la rinnovata fiducia dimostrata dai tanti consensi, testimonia ancora una volta l’esigenza di coinvolgere un numero sempre crescente di persone, attente e sensibili ai temi della cultura e della solidarietà, entrambi colonne portanti dell’Associazione presieduta da Gianni Maritati. Lui insieme ad unLogo_fotolibrando gruppo di tenaci sostenitori questa volta ha voluto superare i confini non solo del mondo culturale noto ma anche geografici, trasformando questo concorso in un’occasione internazionale di incontro attraverso il social network Instagram. Sono circa 120 ad oggi i fotografi che da ogni parte del mondo hanno raccolto la sfida di Fotolibrando inviando le loro opere sul tema “L’arte e il valore della lettura”. Dall’Inghilterra, dalla Francia ma anche dal Libano, dalla Russia e dalla Colombia, è partito un abbraccio virtuale che si concluderà il giorno 18 marzo (termine ultimo per l’invio delle opere) rinnovandone il calore durante la cerimonia di premiazione, in occasione della 10° Edizione delle Festa del libro e della lettura di Ostia presso la Parrocchia di Santa Monica (Ostia) il giorno 23 marzo. Proprio per sottolineare maggiormente la volontà di incontrare tanti occhi e tante mani unite in un gesto solidale, l’Associazione ha deciso di facilitare ancora di più la partecipazione all’iniziativa. Da oggi infatti e fino alla scadenza, le fotografie in concorso potranno essere inviate, unitamente al modulo di iscrizione debitamente compilato, anche soltanto via mail (fotolibrando@gmail.com), proprio per raccogliere in modo più veloce e sicuro tutte le adesioni e accelerarne l’esame da parte della Giuria deputata. Vi aspettiamo quindi numerosi per quest’altra avventura, una nuova esperienza emozionale questa volta vissuta con gli occhi e il cuore al suono di un click.

 

 

 

 

PRISMA

Newsletter settimanale di cultura, spettacolo e voglia di vivere (meglio)

Direttore: Gianni Maritati

In redazione: Chiara Ferraro, Riccardo Troiani, Sandro Capodiferro, Aurelio Tumino, Letizia De Rosa, Ruggero Pianigiani

Collaboratori: Diletta Labella, Gabriella Lepre, Nunziante Valoroso

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...