IL RITORNO DI ROBERTO BENIGNI

L’appuntamento è per la prima serata del 17 dicembre su Rai Uno. In pieno clima pre-natalizio, Roberto Benigni torna in tv con una trasmissione speciale, “La più bella del mondo”, dedicata alla Costituzione Italiana. L’annuncio al TG1 delle 20 di lunedì scorso. Come dire: quando un grande artista vuole parlare agli italiani, sceglie la Rai e il telegiornale più seguito e più rappresentativo della collettività. Anche perché il neo-sessantenne Benigni ha l’età e la storia personale giusta per essere specchio fedele e coscienza parlante di un Paese smarrito ma alla ricerca e alla riscoperta, non convenzionale, delle sue radici morali, culturali e politiche.

    Dopo aver scritto tante pagine memorabili al cinema e in tv, anni fa Benigni ha voluto iniziare un suo personalissimo percorso di “pedagogia civile”, affrontando prima di tutto e nientemeno che la Divina Commedia: il padre della lingua italiana alla portata di tutti, in un grande abbraccio scenico fra alta cultura, sentimento popolare e ironia squisitamente toscana. Poi, al Festival di Sanremo del 2011, in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, Benigni ha ricordato agli italiani la storia e il significato del Tricolore, ma soprattutto la preziosità espressiva e la densità tematica ed emotiva dell’Inno nazionale, colonna sonora del Risorgimento e di ogni Risorgimento.

Ora, l’attore e regista toscano si pone davanti ad una nuova sfida: portare nelle case degli italiani l’insospettabile fascino della nostra Carta Costituzionale, pietra angolare e spina dorsale della nostra Repubblica. Anche qui, con lo stesso sanissimo “odio” per la polvere: quella polvere che si deposita sulle fondamenta stesse della nostra democrazia e che ci fa dimenticare quanto i versi di Dante e Mameli siano attuali ed esplosivi, appassionanti e coinvolgenti, capaci ancora oggi di “urlare” un messaggio d’amore, un’esigenza morale, un afflato di speranza. Benigni ha dichiarato “guerra” alla smemoratezza. Non basta conoscere Dante e il Risorgimento a scuola. Bisogna “incontrarli”, farne una cosa viva. E in questa chiave, la tv si offre come uno strumento docile e di enorme impatto educativo nelle mani (e nel sorriso) di un artista eclettico, imprevedibile, magnificamente leggero e profondo come Roberto Benigni che “osa” trasformare un elenco di articoli costituzionali in un grande spettacolo popolare, un appuntamento con noi stessi e con la storia, un pezzo della nostra vita.

   E’ facile prevedere che la serata-evento del 17 dicembre farà grandi ascolti, come per tutte le altre partecipazioni televisive di Roberto Benigni. E questo grazie al suo talento istrionico e comunicativo, naturalmente, ma anche grazie alla Rai, che qui esercita la sua funzione di Servizio pubblico ai più alti livelli. Ecco che cosa trascina milioni di italiani davanti alla tv pubblica quando c’è Benigni: la voglia di riconoscerci in un ideale condiviso, di ritrovare le sorgenti della nostra identità, di sentirci cittadini orgogliosi e responsabili di un passato che ci ha donato la poesia, la cultura e la democrazia come motori del nostro futuro (pubblicato su http://www.cittanuova.it).

IL VIAGGIO DI UNA SPILLA

Per la sua terza prova narrativa, Sandro Capodiferro ha deciso di esplorare di nuovo e con rinnovato vigore espressivo l’universo femminile. Il romanzo s’intitola “Peccaminosa” e anche questo, come “Storie da un sogno” e “Fiori di agave sulla collina delle fate”, è pubblicato dalle Edizioni Libreria Croce. Evidentemente esiste un feeling radicato e positivo fra l’autore e l’editore, e questo non può che farci piacere. Dopo un entusiasmante racconto di formazione e una vicenda legata ad un prezioso scavo introspettivo, dunque, l’autore ci fa compiere un viaggio nel tempo e nello spazio, adottando come prospettiva narrativa ed etico-psicologica i sette peccati capitali. Un viaggio che inizia nell’Impero Ottomano (1809) con l’accidiosa Fatma e che si conclude in Cile (2007) con la lussuriosa Carmela. Le “tappe intermedie” sono rappresentate da altre cinque figure femminili di grande presa sul lettore: la superba Emily nell’Inghilterra del 1854, l’invidiosa Ivette nella Francia del 1879, la golosa Miroslava nella Russia del 1919, l’iraconda Allison nel Texas del 1947 e l’avara Conchita nel Messico del 1980. Sette donne, sette vicende esemplari, originali e coinvolgenti, realizzata ciascuna con intensa capacità evocativa e originalità di stile.

Impossibile sintetizzare le singole storie. Significherebbe impoverirle della loro stessa essenza. Sveliamo solo la forza simbolica di una preziosa spilla che per tutto il libro passa in mano in mano, attraverso gioie e dolori, anni e personaggi, crisi e rinascite. Una spilla che ci accompagna come silenziosa testimone di questa totale immersione dell’autore nella complessa dinamica fra il peccato e la grazia, la colpa e la redenzione, il desiderio e la catarsi. Il lettore resta colpito e anche turbato da questo intrecciarsi di sette destini lontani nel tempo e nello spazio ma intimamente legati tra loro da un filo tanto sottile quanto tenace. “Peccaminosa” è un romanzo forte e sorprendente, senza prediche e senza moralismi: un esempio coraggioso di quella letteratura alternativa che non vuole essere l’occasione di un facile intrattenimento ma una “piscina di parole” nella quale, chi “nuota”, sperimenta l’ansia di annegare ma anche la speranza di trovare quella piccola onda che può riportarlo in salvo.

TERRAFERMA”, POESIA PER IMMAGINI

Nel corpo o nell’anima, siamo tutti migranti… Sembra questo il senso profondo della storia che Emanuele Crialese (regista di bellissimi film come “Respiro” e “Nuovomondo”) ci racconta in ”Terraferma”, con Donatella Finocchiaro, Beppe Fiorello e Mimmo Cuticchio, ora disponibile in dvd (01 Distribution). Emblema del film, l’immagine che vedete qui sopra: una “Pietà” dei nostri giorni che ci ricorda il dramma delle migrazioni, i sogni che spesso finiscono in tragedia sulle rotte del Mediterraneo, al confine geografico e psicologico tra Nord e Sud del mondo.

Al centro della vicenda, una famiglia di pescatori che vive su un’isola siciliana divisa fra l’antica legge (universale) del dovere del soccorso in mare e la nuova legge (statale) che impone il respingimento degli immigrati clandestini. Sullo sfondo, l’inizio di un turismo di massa che senza scrupoli aggredisce valori e tradizioni, inaugurando una (illusoria) epoca di benessere per tutti… Un film da vedere con interesse e partecipazione emotiva, con almeno due scene memorabili e un finale che ti costringe a guardare al mondo con occhi nuovi.

RIPARTE LA “FESTA DEL LIBRO ON LINE”!

Grazie all’impegno di Silvia Tangredi, stimata blogger impegnata nel mondo editoriale e socia della “Clemente Riva”, riparte con nuovo slancio su Facebook la “Festa del libro Online”. Tanti libri come sempre sono disponibili ad offerta libera per sostenere le iniziative sociali e culturali dell’Associazione.

Vi invitiamo a visitare la pagina, a cliccare “mi piace”, a condividere il Catalogo Autunno 2012 sul vostro profilo, a metterla tra i vostri “preferiti” e soprattutto a farla conoscere ai vostri amici e conoscenti. Potete anche lasciare messaggi e inviare foto e video.

E’ una iniziativa importante dell’Associazione che vuole ampliare i confini del suo impegno, che è quello di diffondere e promuovere la circolazione dei libri, delle idee e dei valori. A tutti coloro che faranno un’offerta per i libri, regaleremo un nostro segnalibro: un gesto piccolissimo ma grazie al quale portiamo nelle case delle persone un segno visibile dell’Associazione.

Per informazioni contattare Silvia Tangredi: pesciolina-87@hotmail.it.

DOMENICA SCORSA, 21 OTTOBRE, SI E’ SVOLTA LA MINI-FESTA DEL LIBRO ALLA “FESTA DELL’AUTUNNO” DI OSTIA: UN GRAZIE DI CUORE A TUTTI COLORO CHE CI SONO VENUTI A TROVARE CONTRIBUENDO GENEROSAMENTE ALLA CAMPAGNA “CHI DONA UN LIBRO, DONA UN TESORO” LANCIATA DALL’ASSOCIAZIONE CULTURALE “CLEMENTE RIVA”


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...