PRISMA

Cultura, spettacolo e voglia di vivere (meglio)

SERIANNI, IL SOGNO DI UNA LEZIONE CHE “NON ANDRA’ DISPERSA”

La padronanza dell’italiano apre tutte le porte: della mente, dell’universo letterario, del nostro futuro di cittadini e di lavoratori, di una vita più partecipe e più consapevole.

Penso si possa sintetizzare così “L’ora d’italiano”, il nuovo bel saggio di Luca Serianni, docente di Storia della lingua italiana all’Università di Roma “La Sapienza” e linguista di fama internazionale. Un libro dedicato a tutti coloro che usano l’italiano come qualcosa di più di uno strumento per raccontare una barzelletta agli amici o per ordinare un chilo di patate (cose, peraltro, importantissime), ma come una meravigliosa pedana per tuffarsi nelle relazioni sociali, nelle nostre tradizioni culturali, nella storia del mondo. Più in particolare, l’autore si rivolge agli insegnanti di Italiano ai quali spettano compiti essenziali per il buon andamento della scuola e soprattutto per la crescita armoniosa dei loro studenti. Fra questi, la doppia impresa di suscitare nei più giovani il puro piacere della lettura, sciolta da qualunque obbligo, e insieme la convinzione che la lettura è un esercizio indispensabile per dare forma alla nostra interiorità, per organizzare ed esprimere al meglio le nostre idee. La padronanza dell’italiano diventa un presupposto indispensabile del nostro cammino di autocoscienza, un mattone della nostra vita sociale, una condizione essenziale della partecipazione democratica.

L’analisi del prof. Serianni offre numerosi altri spunti di ricerca e di approfondimento. Invita al dialogo fra cultura umanistica e cultura scientifica, chiede di ampliare gli orizzonti di studio del latino (non esistono solo Cesare e Cicerone o solo la prosa o solo la descrizione delle battaglie), sottolinea il valore formativo del riassunto e l’importanza della punteggiatura, esalta il ruolo dei classici della letteratura (dall’Odissea ai Promessi Sposi e oltre) come fondamenta della nostra identità e della nostra memoria storica. E ancora: l’autore mette in guardia da quelle grammatiche che riducono la ricchezza di una lingua ad una sequenza di norme e casi astratti, critica la brutta abitudine dei finanziamenti “a pioggia” e anche i quiz televisivi che riducono la Storia ad “un insieme di storielle aneddotiche e irrelate”. In sintesi, dopo la scuola “severa” di una volta e quella “indulgente” di derivazione post-sessantottina (ma questa è una sintesi personale), il prof. Serianni chiede una scuola finalmente, semplicemente, “seria”.

Colpisce poi l’esortazione che l’autore rivolge all’insegnante di Italiano, chiamato a “credere al lavoro che fa e a scommettere su sé stesso, proponendosi agli allievi come un esempio positivo, non usurato dalla routine e non rassegnato alle tante cose che non vanno. Come tutte le scommesse, si può vincere o perdere; ma se si vince, ogni docente – dalle elementari in avanti – resterà un riferimento nitido e costante per l’allievo, anche quando il ragazzo sarà diventato adulto, e la sua lezione non andrà dispersa”. E’ in fondo il sogno di tutti i ragazzi, anche di quelli tiepidi e svogliati: portarsi dentro, fino alla fine, l’immagine di un insegnante che ti ha lasciato, dentro, un segno incancellabile.

SEGNALAZIONI

* Agli appassionati del grande schermo non può sfuggire il “Manuale di storia del cinema” di Gianni Rondolino (Utet). E’ un bel volume di oltre 600 pagine destinato agli studi universitari che però tutti possono “affrontare” con profitto, affidandosi alle sintesi e alle schede dell’autore, ma soprattutto al suo linguaggio, chiaro e fluido. Il Manuale è talmente ben organizzato che lo si può leggere non necessariamente dall’inizio alla fine, ma come strumento di consultazione “random”, da tenere accanto alla nostra videoteca. Che si arricchirà sempre di più affidandosi al percorso storico-critico di Gianni Rondolino. Materiale integrativo del Manuale è presente sulla pagina web: www.utetuniversita.it/rondolino.



IMPORTANTE: Chi vuole donare i propri libri per la terza edizione della Festa del Libro di Ostia (20-21 novembre 2010) può: contattarmi all’email g.maritati@tiscali.it per accordi; inviarli a Gianni Maritati, Tg1 Redazione cultura, palazzina A-Sud, stanza 246, Centro Rai Saxa Rubra, Largo W. De Luca, 1, 00188 Roma; oppure presso la Parrocchia di S.Monica, piazza S.Monica, 1, 00121 Lido di Ostia.

LA FESTA ADESSO E’ ANCHE SU FACEBOOK!!!

http://www.facebook.com/pages/Festa-del-Libro-e-della-Lettura-di-Ostia/119990754715756

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...